13 Agosto 2011

Frutta a prezzi scontati contro il carovita la protesta Coldiretti: “Basta ricarichi assurdi”

Frutta a prezzi scontati contro il carovita la protesta Coldiretti: "Basta ricarichi assurdi"
 

Domani, presso le aree di servizio dell´autostrada A1 la Pioppa est, Sillaro est (Bologna) e San Martino est´ (Parma) gli automobilisti troveranno frutta e verdura del posto in vendita a prezzi scontatissimi. E’ un´iniziativa contro la crisi e il carovita organizzata da Codacons, Coldiretti, Autostrade per l´Italia. Una vendita diretta agricoltore-consumatore che, accorciando la filiera, consente di avere frutta fresca di stagione, di qualità, a chilometro zero e a prezzi vantaggiosi. Una iniziativa anche per denunciare i ricarichi enormi nel passaggio dal coltivatore al consumatore. Una situazione che sta degenerando al punto che molti agricoltori non raccolgono più cocomeri, meloni e pesche, lasciandoli marcire sui campi, visto che il guadagno per loro sarebbe attorno allo zero. Alcuni numeri : i cocomeri sono pagati al produttore 0,10 euro al kg, e al consumatore finale costano mediamente 0,60 euro; i meloni vengono pagati 0,35 euro all´origine e venduti a 1,30 euro; le pesche che all´agricoltore sono pagate 0,20 euro al kg, al dettaglio costano 1,95 euro/kg. I coltivatori, non riuscendo a rientrare nei costi di produzione, preferiscono lasciare nei campi la frutta, la cui raccolta ha un costo insostenibile. Il Codacons ha presentato un esposto all´Antitrust, perché indaghi sui ricarichi assurdi dal campo alla tavola.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox