18 Luglio 2017

‘Frecciarossa’ ko in galleria «Tre ore al buio e senz’ aria»

Firenze UN GUASTO al Frecciarossa «9514» lungo la linea dell’ alta velocità ha bloccato ieri, dalle 10,30 per tre ore dentro la galleria ‘Vaglia’, tra Castello e San Piero a Sieve. Il treno, undici carrozze più locomotore per 500 metri di sviluppo, partito da Salerno, con sosta a Firenze da dove è ripartito alle 10,05, era diretto a Milano con centinaia di passeggeri che sono rimasti senza luce e senz’ aria condizionata, ma con il ricircolo interno. Momenti e di disagio dovuto al caldo infernale e di apprensione alla prospettiva di essere costretti a restare a lungo nel tunnel. Alcuni passeggeri, aperte le portiere delle carrozze, sono scesi e si sono fermati sul marciapiede e nelle isole di emergenza della galleria, per respirare appena meglio. Una donna di una quarantina d’ anni ha avuto un lieve malore e ha perso conoscenza. «Verificato che il Frecciarossa era impossibilitato a ripartire, per guasto proprio al motore e non per problemi alla linea, alle 11,30 – spiegano fonti di Trenitalia – è stato disposto l’ invio di un locomotore per agganciare il convoglio e trainarlo a velocità ridotta, fino alla stazione Santa M.Novella. Operazione che è cominciata intorno alle 13,15 anche perché occorreva richiudere le porte aperte manualmente dai passeggeri. Finalmente l’ arrivo del treno guasto alla stazione di Firenze dove dopo un primo, immediato controllo medico ad attendere la donna vittima del malore c’ era un’ ambulanza che l’ ha portata in ospedale per ulteriori accertamenti, sempre a titolo precauzionale. Nel frattempo erano stati disposti per i passeggeri del «9514» generi di primo conforto, acqua. E un treno di riserva, ripartito alle 14, direzione Bologna-Milano». L’ avaria ha comportato ritardi; in galleria i treni in transito sull’ altro binario hanno dovuto rallentare. Trenitalia ha annunciato che i passeggeri del Frecciarossa in avaria avranno il rimborso integrale del biglietto. Basterà che ciascun passeggero ‘ripercorra’ la modalità d’ acquisto del biglietto: on line, o biglietteria. Ma Codacons (Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori) ha spiegato che «i passeggeri del Frecciarossa rimasto bloccato in galleria hanno diritto non solo al rimborso del biglietto, ma a un risarcimento per danni morali e materiali. Parlare di rimborso dei biglietti è offensivo: i passeggeri sono dovuti rimanere per ore in galleria in attesa di essere portati a destinazione. Trenitalia deve disporre indennizzi immediati, automatici; altrimenti sarà inevitabile una class action. C’ è un precedente», ha commentato il presidente Codacons, Carlo Rienzi. GIORNATA resa difficile sulle reti anche a causa di un allarme alle Ferrovie dalla Polfer che per due ore, tra le 15 e le 17, ha cercato di rintracciare e bloccare una persona che voleva suicidarsi, in zona Sesto, per poi sparire nel nulla. La polizia ha chiesto alle Ferrovie di far viaggiare i convogli a vista, a velocità molto limitata, e per una ventina di essi (linea Firenze-Viareggio) ciò ha comportato ritardi fino a 70 minuti, specie tra Castello e Prato. g.sp.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox