5 Aprile 2014

Frane in sicurezza, gli Intercity no

Frane in sicurezza, gli Intercity no

BASTONE e carota: tra le Ferrovie e la Liguria il rapporto continua a oscillare tra accordi e disdette, accuse e repliche, investimenti e rinunce. E se da un lato c’ è da festeggiare per la conferma, ribadita dal ministro ai Traporti Maurizio Lupi, del fatto che Rete Ferroviaria Italiana (Rfi) sta per intraprendere lavori per 23 milioni permettere insicurezza i punti più critici delle linee liguri, dall’ altro arriva la minaccia di nuovi tagli ai convogli che interessano la Liguria. Sull’ emergenza della stabilità dell’ infrastruttura ligure, già denunciata dal Secolo XIX il 30 marzo scorso, le Ferrovie e il Governo avevano – forti anche dell’ esperienza del convoglio franato ad Andora – annunciato la disponibilità di una ventina di milioni da spendere su 44 punti particolarmente critici della rete. Luoghi che, da Ventimiglia a Sarzana, presentano il rischio di frane, crolli, caduta massi, ed altro ancora. In questo caso, Rfi mantiene la parola e annuncia l’ intervento a breve su 37 di questi 44 siti: quali siano ancora non è dato sapere, ma si tratta comunque di lavori che saranno messi in cantiere a breve, e che, tra l’ altro, potrebbero dare un po’ di respiro anche alle aziende edili e di manutenzione locali. Ma a fronte di una buona notizia – una promessa rispettata, almeno formalmente – la battaglia sul trasporto ferroviario non può farci mancare un potenziale, nuovo passo indietro. A rischio, secondo il sottosegretario di Lupi, Umberto Del Basso De Caro ci sono dieci treni Intercity che servono nove regioni turistiche italiane. L’ esponente del Governo lo ha affermato in Parlamento, spiegando come Trenitalia abbia «comunicato al Ministero dei trasporti la sua intenzione di sospendere l’ effettuazione in regime di mercato», cioè senza sovvenzioni pubbliche, dei dieci convogli a lunga percorrenza. In altre parole, l’ azienda ferroviaria lascia allo Stato la decisione: gli Intercity vanno a casa, se i contribuenti non ci mettono dei soldi. Secondo Del Basso De Caro, sono stati già avviati “tavoli di confronto con le Regioni” interessate, tra cui anche la Liguria: per parte sua, l’ assessore regionale ai Trasporti Enrico Vesco dice di non sapere quali potrebbero essere le tratte cancellate né se interessino direttamente le due riviere. «Per ora è una minaccia pendente, ancora la scorsa settimana abbiamo incontrato Mauro Moretti e non ci ha detto nulla di tutto ciò. Come al solito, Trenitalia ci mette di fronte al fatto compiuto, e la mia preoccupazione è che si continui a depotenziare il servizio Intercity a favore di Frecciabianca e Frecciarossa, che costano anche molto di più – spiega Vesco – Ci sarà un confronto con le Regioni e noi non ci sottraiamo, spero solo che non ci dicano ancora una volta che devono essere le Regioni a pagare un servizio. Noi siamo in una condizione in cui da un lato Trenitalia ci toglie i collegamenti, dall’ altro lo Stato ci taglia i soldi: non vedo come potremmo intervenire». Intanto, sul taglio dei dieci Intercitytuona il Codacons: «Gli Intercity – afferma l’ associazione di tutela dei consumatori – usciranno definitivamente dalla rete ferroviaria al termine del mese di giugno per essere in parte sostituiti da servizi di trasporto locali», dà per certo il Codacons, aggiungendo che «è una “palla” colossale che gli Intercity servano solo flussi pendolari per tratte limitate. È solo una scusa per costringere gli italiani a prendere i treni super veloci, pur se non hanno alcuna necessità di dover raggiungere una destinazione a tempo di record, pagando prezzi sempre maggiori, esorbitanti». Campoligure-Rossiglione Mele-Campoligure Ge Acquasanta -Mele Ge Granara-Ge Acquasanta Ge Granara-Ge Acquasanta Ge Costa di Sestri-Ge Granara Ge Borzoli-GE Costa di Sestri Bivio Polcevera-Borzoli Rossiglione-Ovada Rossiglione-Ovada Campoligure-Rossiglione Campoligure-Rossiglione Ge Acquasanta -Mele frana frana frana frana frana caduta massi caduta massi caduta massi caduta massi caduta massi caduta massi Savona – Santuario Santuario – Ferrania Santuario – Ferrania Santuario – Ferrania Savona – Santuario Savona – Santuario frana frana frana frana frana frana frana frana caduta massi caduta massi caduta massi caduta massi caduta massi Rossiglione Mele Mele Genova (km 12,980) Genova (km 12,981) Genova Genova Genova Rossiglione Belforte Rossiglione (km 33) Rossiglione (km 33,88) Mele Airole (km 9,8) Airole (km 8,5) frana frana caduta massi caduta massi caduta massi caduta massi Savona Cairo Montenotte Savona (km 6,4) Savona (km 9,5) Savona (km 4,8) Savona (km 4,9)
alessandro palmesino

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox