fbpx
6 Dicembre 2017

I fondi per i nuovi treni: dieci milioni sono già spariti

Sono già spariti dal bilancio della Regione dieci milioni di euro che erano stati stanziati per l’ acquisto dei nuovi treni. O meglio, verranno spesi ma in futuro. La segnalazione arriva dal consigliere regionale Raffaele Straniero: «Oggi in commissione Bilancio è stato votato dalla maggioranza di centrodestra un emendamento inquietante: dei 35 milioni messi a disposizione per l’ acquisto di nuovi treni nel triennio 2018-2020, ben 9,5 milioni sono stati spostati al bilancio 2021». Un terzo dei fondi a disposizione sono stati spostati in avanti. In pratica vuol dire che nei prossimi tre anni arriveranno meno treni di quelli previsti. «Questo voto conferma i dubbi che già avevamo manifestato all’ indomani dell’ annuncio del presidente Maroni: i nostri pendolari quando potranno vedere questi nuovi treni? Ogni spostamento, ogni rinvio non può che alimentare dubbi e perplessità circa la reale volontà da parte di questa Giunta e di questa maggioranza di risolvere il problema del trasporto ferroviario regionale che ogni giorno registra, ahimé, nuovi disagi», aggiunge ancora Straniero. Però l’ assessore alla mobilità Alessandro Sorte assicura che almeno la situazione non dovrebbe peggiorare: «Con la fine dell’ anno arriva anche la notizia che tutti i pendolari aspettavano e cioè che anche per il 2018 le tariffe dei trasporti non aumenteranno». Negli ultimi tre anni in effetti non ci sono stati aumenti dei biglietti ferroviari e Sorte, pur non entrando nel dettaglio, promette che «incrementeremo ancora il servizio aggiungendo nuove corse. Anche questa volta abbiamo fatto più dell’ immaginabile per venire incontro alle esigenze del settore così da garantire un 2018 sereno». La cronaca quotidiana del trasporto ferroviario, almeno in provincia di Lecco, racconta di una realtà abbastanza problematica. Ad esempio, ieri mattina un diretto da Tirano per Milano Centrale è stato tenuto fermo alla stazione di Monza, mentre il locale della Lecco-Carnate-Milano, che lo seguiva, l’ ha superato. Segno che qualcosa non ha funzionato bene nell’ organizzazione. Intanto arriva un’ altra diffida dal Codacons a Trenord per il regionale 2572 delle 18,20 da Centrale di lunedì, si è guastato bloccandosi fra Monza e Arcore. «Ciò ha causato gravi ritardi sull’ intera linea Milano-Lecco-Sondrio-Tirano, oltre che sulla tratta Milano- Carnate -Lecco, ma anche sulla Milano-Bergamo via Carnate. A causa del guasto è stata accumulata quasi un’ ora di ritardo del treno in questione prima che l’ inconveniente venisse risolto».
lorenzo perego

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox