fbpx
4 Luglio 2017

Fondi e corsi a loro nome Codacons, esposto in Procura

(L.M.) In attesa del rientro in Italia di Gloria e Marco si moltiplicano le iniziative per non dimenticare le due giovani vittime dell’ incendio del grattacielo londinese avvenuto lo scorso 14 giugno. È stato organizzato un seminario dagli studenti dello Iuav Ca’ Foscari di Venezia, dove hanno studiato i due architetti veneti partiti 3 mesi per Londra in cerca di fortuna. È stato proposto all’ amministrazione comunale di Camposampiero di intitolare una strada in onore ai due ragazzi e agli emigrati di Camposampiero. Infine è nata l’ Associazione amici di Gloria e Marco, con l’ obiettivo di raccogliere dei fondi per sostenere giovani italiani in progetti lavorativi, così da non essere costretti a espatriare per trovare un impiego. Lo scorso 26 giugno alcuni componenti del l’ Associazione hanno incontrato il Rettore dello Iuav di Venezia, Alberto Farlenga, con il quale si è concordato di intitolare i workshop Wave 2017 proprio a Gloria e Marco. Il gruppo di volontari di cui fanno parte amici e conoscenti dei due architetti morti a Londra, sta cercando di organizzare un concerto e una partita di calcio con lo scopo di raccogliere dei soldi e istituire delle borse di studio per dei ragazzi che si sapranno mettere in luce. «In effetti – sostengono i fondatori dell’ Associazione Amici di Gloria e Marco – vogliamo raccogliere dei fondi per sostenere e aiutare i giovani a rimanere in Italia, loro terra d’ origine, sviluppando le loro potenzialità professionali e ricercando sul territorio il riconoscimento e la valorizzazione delle loro specifiche competenze». Per quanto concerne invece le indagini che hanno causato il terribile rogo del grattacielo londinese, la Codacons ha chiesto formalmente alla Procura di Roma di indagare sulla morte dei due ragazzi italiani. In particolare l’ Associazione ha presentato un esposto alla Procura e al Ministero della Giustizia per verificare se ci sono responsabilità in merito ai reati commessi all’ estero a danno di connazionali. Profondo dolore e cordoglio intanto continua a suscitare il dramma di Gloria e Marco. Nell’ atrio del municipio il libro bianco lasciato per ricordare i due fidanzati è stato già riempito di pensieri. Tre pagine di messaggi, il più toccante ogni notte mi sveglio e penso alle ultime parole che tu Gloria hai dedicato a mamma alla tua mamma. Scrive Alessandra Non doveva andare così, non vi ho conosciuti ma sarete sempre nel mio cuore.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox