5 Marzo 2010

Fiumicino, al via i primi “body scanner”

 

ROMA – È partita ieri all’ aeroporto romano di Fiumicino la sperimentazione del primo body scanner in Italia: l’ apparecchio effettua una "radiografia", non obbligatoria, dei passeggeri. Per prevenire attacchi terroristici. La fase sperimentale durerà dalle 4 alle 6 settimane, poi si deciderà se installare le cinque macchine (costo cadauna 150mila euro). Dopo Fiumicino, dove si prevede che saranno "scannerizzati" oltre un milione di passeggeri l’ anno, l’ avvio è previsto anche a Milano, Malpensa e Venezia. "Salute e privacy rispettate" Non ci sono problemi, è stato assicurato, né per la salute né per la privacy: le onde millimetriche emesse sono infatti molto inferiori a quelle prodotte da altri apparecchi elettronici in commercio; quanto alla privacy la macchina riproduce soltanto una sagoma stilizzata, non l’ immagine e il volto della persona che si sta sottoponendo al controllo. Scettiche le associazioni dei consumatori, Codacons e Adoc: "Non siamo cavie".

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox