16 Aprile 2012

FISCO: GDF, IDRAULICI EVASORI SCOPERTI A TRIESTE

    FISCO: GDF, IDRAULICI EVASORI SCOPERTI A TRIESTE

    CODACONS CHIEDE DI ESTENDERE I BLITZ ANTIEVASIONE FATTI NEI LOCALI NOTTURNI ANCHE A PROFESSIONISTI ED ARTIGIANI

    La Guardia di Finanza di Trieste avrebbe scoperto quattro idraulici evasori totali che avrebbero complessivamente sottratto all’erario un imponibile di quasi 5 milioni di euro.
    Per il Codacons ha dell’incredibile che 4 idraulici possano evadere cifre astronomiche di questo tipo. E’ evidente che se il Governo Monti intende combattere l’evasione, bisogna risolvere il problema dell’Iva che consente ad artigiani disonesti di evadere con la complicità del consumatore, grazie allo sconto sulla prestazione. Innumerevoli le possibili soluzioni, a cominciare da un diverso sistema di detrazioni fiscali.
    Il Codacons chiede, però, che i blitz della Guardia di Finanza e dell’Agenzia delle entrate non si limitino agli esercizi pubblici come locali notturni, ristoranti e alberghi, ma si estendano anche ad idraulici, elettricisti, fabbri, tappezzieri, meccanici, gommisti, carrozzieri, parrucchieri …. professionisti vari.
    Il Codacons ricorda che il decreto Salva Italia ha codificato la prassi  di eseguire “gli accessi in borghese”. Ebbene, per stanare questi evasori occorre che agenti in borghese, possibilmente donne, si fingano normali clienti di questi artigiani e che, magari, li chiamino d’urgenza in un giorno festivo.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox