1 Giugno 2011

FIRMA DEL PROTOCOLLO D´INTESA CONTRO CONTRAFFAZIONE E VENDITA ABUSIVA

FIRMA DEL PROTOCOLLO D´INTESA CONTRO CONTRAFFAZIONE E VENDITA ABUSIVA DALLA PREFETTURA IL DOCUMENTO SOTTOSCRITTO ANCHE DAI SINDACI DEI LITORALI VENEZIANI

Venezia, 1 giugno 2011 – E´ stato siglato mercoledì 25 maggio, nella sala Consiglio di Ca’ Corner il Protocollo d’ intesa, redatto dalla Prefettura di Venezia, Ufficio Territoriale del Governo, che prevede interventi tra istituzioni e associazioni di categoria per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno della vendita abusiva e contraffazione di prodotti nella provincia di Venezia. Alla firma del Protocollo d’ Intesa erano presenti le seguenti istituzioni e associazioni di categoria: Provincia di Venezia, presidente Francesca Zaccariotto, Prefettura, prefetto Luciana Lamorgese, Regione del Veneto vice presidente Franco Manzato, Comune di Venezia sindaco Giorgio Orsoni, Camera di Commercio di Venezia presidente Giuseppe Fedalto, Questura di Venezia questore Fulvio dalla Rocca. Ed inoltre l’ Unione regionale delle Camere di Commercio, i sindaci dei Comuni diEraclea, Jesolo, Chioggia, Caorle e San Michele al Tagliamento, Ufficio delleDogane di Venezia, il Comando provinciale dell’ Arma dei Carabinieri, il Comando provinciale della Guardia di Finanza, la Confesercenti provinciale, laConfartigianato di Venezia, l’ Associazione esercenti pubblici esercizi di Venezia, l’ Associazione nazionale venditori ambulanti, l’ Associazione turistica albergatori veneziana, l’ Associazione veneziana albergatori, l’ Ascom di Marghera, l’ Ascom di Mestre, l’ Ascom di Venezia, la Confederazione generale italiana artigianato di Mestre, la Cna provinciale, la Federazione italiana venditori ambulanti sindacatoCommercio su aree pubbliche di Venezia, la Federazione italiana tabaccai, il presidente di Federdistribuzione, il presidente Uav, il segretario generale di Adiconsum Venezia-mestre, l’ Associazione per la difesa e l’ orientamento dei consumatori territoriale di Venezia-mestre, la Codacons Veneto di Venezia, la Federconsumatori Veneto di Venezia, la Lega Consumatori Veneto e il presidente del Movimento consumatori. Presente anche il console onorario del Senegal. La Provincia di Venezia, su proposta della presidente Francesca Zaccariotto, per il terzo anno consecutivo dal 2009, proseguirà nella lotta contro il commercio abusivo nelle spiagge del litorale nell’ ambito del patto per la sicurezza. Gli agenti della polizia provinciale effettueranno controlli lungo le spiagge dal primo giugno al 31 agosto, il periodo dove si registra la massima presenza di turisti nel litorale veneziano. Lo scorso anno la polizia provinciale ha effettuato servizi nelle spiagge in affiancamento alle Polizie locali nei comuni costieri nei mesi di giugno, luglio e agosto, per un totale di 76 giornate, impiegando 204 pattuglie con un servizio di 2614 ore. Il servizio verrà garantito anche quest’ anno, anzi ci sarà un giorno in più, con 77 giornate e 2635 ore. Tre le pattuglie impegnate ogni giorno, con due agenti ciascuna. La previsione è di dividere così il servizio: a Jesolo 21 giorni, per un totale di 66 pattuglie; a Bibione 15 giornate, per 45 pattuglie; a Cavallino-treporti rispettivamente 15 e 45; a Caorle 9 e 24, ad Eraclea 5 e 15 e a Chioggia 12 per 12. La presidente Zaccariotto: "C’ è una novità quest’ anno nel protocollo appena siglato, il progetto "giovani originali", cioè un percorso educativo che coinvolgerà, oltre ai soggetti istituzionali che già collaborano, anche gli assessori provinciali all’ istruzione e alle attività produttive. L’ obiettivo è informare e formare i giovani che devono conoscere i rischi che si corrono quando di acquista un prodotto non certificato – rischi per la sicurezza, la salute e per le ricadute normative, sociali ed economiche per il territorio. Con l’ estate alle porte prossima, vogliamo continuare a combattere il commercio abusivo nelle spiagge; è un servizio che ci viene richiesto direttamente dagli stessi Comuni, e che testimonia come sia positivo fare sinergia tra enti e forze dell’ ordine. In questo modo combattiamo un fenomeno che spesso compromette l’ immagine delle nostre spiagge, e miglioriamo il rapporto con gli stessi turisti. Inoltre apprendiamo da un’ indagine svolta lo scorso anno, che ci viene richiesto di offrire più informazioni ai turisti. Per questo abbiamo deciso di stampare un vademecum multilingue per tutte le spiagge della provincia del litorale veneziano, che spiegherà al turista le norme di buon comportamento e i rischi che corriamo quando acquistiamo servizi abusivi. Il coordinamento di questa nuova iniziativa sarà del Comune di Jesolo. Mi fa inoltre molto piacere constatare che questo servizio ha avuto risultati positivi, e soprattutto è risultato molto gradito in primis ai turisti che si sentono tutelati da quei clandestini che vendono prodotti contraffatti e nocivi alla loro salute. Ma ha raccolto consenso anche fra i commercianti e gli imprenditori del settore turistico che lavorano nel rispetto delle regole e promuovono la qualità dei nostri prodotti".
 
 
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox