3 Febbraio 2003

FESTIVAL DI SANREMO: PRIMI DUBBI SUI VINCITORI

    PARTE UN ESPOSTO DEL CODACONS ALLE PROCURE DELLA REPUBBLICA DI ROMA E SANREMO: DEPOSITATO DA UN NOTAIO IL NOME DEL VINCITORE DELLA 53° EDIZIONE






    A un mese dall?inizio del Festival di Sanremo cominciano le prime indiscrezioni sui nomi dei vincitori di questa 53° edizione. Indiscrezioni che a dir la verità potrebbero trasformarsi in qualcosa di più serio. Il CODACONS ha infatti presentato oggi un esposto alle Procure della Repubblica di Roma e Sanremo affinchè facciano chiarezza su una questione non di secondaria importanza.

    L?associazione ha ricevuto una segnalazione dettagliata da parte di un avvocato milanese, in cui si afferma di conoscere il nome del vincitore del Festival con largo anticipo.

    Lo stesso avvocato informa inoltre di aver depositato presso un notaio il nome del vincitore della prossima edizione.

    Nella lettera si legge: ?Per quanto a mia conoscenza già entro la fine del 2002 cinque nomi di cantanti mi erano stati riferiti come sicuri di essere selezionati e ciò si è verificato puntualmente. Nella stessa occasione mi è stato riferito anche chi sarebbe stato il vincitore del 53° Festival di Sanremo. E ciò ben prima della nomina della ?commissione?, avvenuta il 09/01 u.s., che avrebbe dovuto selezionare i ?Campioni? e, per quanto riguarda il vincitore, ben prima delle votazioni che si svolgeranno solo all?inizio di marzo.
    Ho provveduto quindi a depositare da un notaio una busta contenente il nome del vincitore in data 09/01 u.s. e ciò, ribadisco, addirittura prima che il cantante in questione venisse selezionato.

    Potrei essere un veggente, ma così non è, o potrebbero essere solo coincidenze piuttosto strane che certamente diventerebbero ancora più strane se anche il vincitore sarà quello da me indicato [?]?.


    Il CODACONS, senza entrare nel merito della questione, si è limitato a inoltrare tale segnalazione, con un esposto, alla magistratura, affinchè accerti la veridicità o meno di tali affermazioni e faccia luce sull?intera vicenda, anche nell?interesse dei milioni di tele-utenti che pagano il canone Rai.


    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox