fbpx
5 Novembre 2019

Festa abusiva in Statale Inchiesta della Procura

MILANO Non si placano le polemiche all’ università degli Studi di Milano dopo il party non autorizzato di Halloween che ha riempito di rifiuti l’ ateneo della centralissima via Festa del Perdono. Secondo la ricostruzione della Statale, alla festa illegale nella notte del 31 ottobre, avrebbero partecipato «centinaia di ragazzi, molti dei quali minorenni», nonostante il divieto del rettore, Elio Franzini. Le immagini dei cumuli di bottiglie e bicchieri sul pavimento dei corridoi hanno fatto il giro del : ed è stato proprio il rettore a mettere in moto la «macchina» decidendo di pubblicarle per primo due giorni fa, sul sito della Statale, assieme a una clamorosa «Lettera aperta per riflettere insieme» dove denuncia: «Siamo rimasti soli, testimoni di un reato che si compiva senza nulla poter fare, ad assistere alla preparazione dello scempio». L’ università giovedì aveva optato per una chiusura straordinaria alle 16 mentre è stata impedita la chiusura del portone di accesso dal civico 7. Così nelle ore successive «sono stati introdotti illegalmente materiali infiammabili, oltre a cibi e bevande alcoliche di vario genere» secondo la ricostruzione dell’ ateneo. Ieri le lezioni dei corsi di laurea di Studi umanistici, Giurisprudenza e Medicina hanno ripreso regolarmente, grazie alla pulizia straordinaria dopo il «fattaccio». Ma la vicenda non è conclusa. La Procura di Milano ha aperto un’ indagine per violazione delle norme di sicurezza e invasione di edificio pubblico. Il fascicolo contro ignoti è coordinato dal procuratore aggiunto Tiziana Siciliano. Gli inquirenti ascolteranno come persona informata dei fatti il rettore che a breve presenterà una denuncia all’ autorità giudiziaria; lo stesso farà il Codacons. Franzini incassa la solidarietà di molti studenti: per alcuni il rave è stato «un atto di inciviltà». Per altri un «business»: solo per entrare alla «festa senza perdono» bisognava sborsare 3 euro. Annamaria Lazzari © RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox