fbpx
30 Dicembre 2010

FERROVIE DELLO STATO “RISARCIRÀ” I PASSEGGERI DEL 17 DICEMBRE PER I RITARDI CON DEI BONUS

  CASPER AI PASSEGGERI: ACCETTATE L’INDENNIZZO MA NON RINUNCIATE ALL’AZIONE RISARCITORIA
 

QUANDO IL SERVIZIO È UN “CESSO”: DOPO MILANO-REGGIO CON TUTTI I BAGNI FUORI USO IERI LA FRECCIA ROSSA MILANO-SALERNO VIAGGIAVA CON IL 90% DELLE TOILETTE GUASTE

Il Gruppo Ferrovie dello Stato, come già dichiarato dall’AD Moretti, ha fatto sapere tramite una nota ufficiale che è intenzionato a “risarcire” i passeggeri per i ritardi che si sono verificati il 17 dicembre scorso sulla rete ferroviaria. Nello specifico gli “indennizzi” saranno emessi sotto forma di bonus utilizzabili per acquistare nuovi titoli di viaggio, ma soltanto coloro che hanno subito ritardi superiori alle quattro otterranno l’intero rimborso del prezzo del biglietto.

Le associazioni riunite nella sigla Casper – Comitato contro le speculazioni e per il risparmio (Adoc, Codacons, Movimento Difesa dei Cittadino e Unione Nazionale Consumatori), invitano tutti i passeggeri che faranno richiesta di tale “indennizzo” a non firmare assolutamente nessuna rinuncia all’azione risarcitoria.

“I passeggeri devono avere ben chiaro – affermano le associazioni – che hanno diritto sia alla restituzione di quanto speso per il biglietto che di ottenere un equo risarcimento per il danno subito a causa del ritardo dei treni su cui viaggiavano. Inoltre – hanno aggiunto – non è accettabile che, dopo tutte le vessazioni subite a causa dell’inefficienza della linea ferroviaria, venga data questa “bufala” ai viaggiatori, infatti, la restituzione è un dovere per Fs che deriva dalla sostanziale mancata prestazione del servizio promesso. E comunque – hanno concluso le associazioni – riteniamo che ai passeggeri si sarebbe dovuta offrire almeno la possibilità di scegliere se prendere il bonus oppure l’equivalente in denaro”. Tutti i viaggiatori sono invitati a contattare le associazioni riunite nel comitato Casper per segnalare disservizi e mancanze nel servizio ferroviario.

Ma i guai per chi viaggia in treno, in questi giorni di festa, non sono finiti: dopo il clamoroso caso dell’Intercity Milano-Reggio Calabria che ha viaggiato per sette ore lo scorso 24 dicembre con tutte le toilette fuori uso, ieri sera sulla Freccia Rossa Milano-Salerno (partita da Roma Termini alle 19.00), su cui viaggiava il Presidente Codacons Carlo Rienzi, il 90% dei servizi erano guasti e una signora disabile ha dovuto attraversare quattro vagoni per raggiungerne di funzionanti.

Adoc, Codacons, Movimento Difesa dei Cittadino e Unione Nazionale Consumatori, dando appuntamento al 13 gennaio prossimo per una manifestazione di protesta davanti la sede di Ferrovie dello Stato, annunciano che presenteranno una denuncia per interruzione di pubblico servizio per quanto accaduto ieri sulla Freccia Rossa Milano-Salerno ed una all’Antitrust per abuso di posizione dominante.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox