19 Gennaio 2022

“Ferragni e Fedez diffamati”. A processo il presidente del Codacons Carlo Rienzi

Li aveva definiti “ignoranti, delinquenti e appofittatori”. Oltre ad asserire che avessero usato uno dei figli per ricevere denaro da una nota griffe di moda. Offese di cui ora, il paladino dei consumatori, dovrà rispondere in tribunale
Aver offeso i Ferragnez è costato un processo al presidente del Codacons, Carlo Rienzi. Il paladino dei consumatori è stato citato direttamente a giudizio, con l’accusa di diffamazione, dal sostituto procuratore della Repubblica di Roma, Antonia Giammaria.
Nel mirino le esternazioni alla fine del 2020 nei confronti di Fedez e della moglie Chiara Ferragni. Per gli inquirenti, il presidente del Codacons ha diffamato la coppia dipingendo i due come “ignoranti, delinquenti e approfittatori”, dopo che Fedez, durante le festività natalizie 2020, distribuì ai bisognosi di Milano denaro raccolto tra i suoi fan.
Rienzi, in un comunicato ufficiale dell’associazione a difesa dei comunicatori, bollò l’iniziativa come “un’operazione di marketing autopromozionale”, compiuta facendo “pubblicità occulta a una nota casa automobilistica”, la Lamborghini, muovendosi il rapper a Milano a bordo del bolide.
Rienzi è inoltre accusato per le sue dichiarazioni, durante una trasmissione radiofonica a cui prendeva parte Selvaggia Lucarelli, con cui sostenne che i Ferragnez avrebbero utilizzato il figlio per prendere soldi dalla casa di moda Moschino, pubblicando la foto del piccolo con una maglietta della nota griffe. Un’affermazione che la Procura ha accertato non corrispondere alla verità. Ad aprile primo round in aula.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox