fbpx
2 Settembre 2016

Ferie d’ agosto, l’ Italia rivive il boom E tornano gli stranieri: 28 milioni

Ferie d’ agosto, l’ Italia rivive il boom E tornano gli stranieri: 28 milioni

ROMA. Sarà ricordata come l’ estate del tutto esaurito. La prima, in Italia, dopo anni di magra. Il popolo dei vacanzieri è cresciuto del 9,5% e il giro d’ affari è lievitato del 17,2% passando dai 18,3 miliardi di euro del 2015 ai 21,5 miliardi di euro di quest’ anno. Mare, soprattutto, ma anche città d’ arte o borghi. L’ importante è che sia Italia, bella e sicura. «I numeri che si stanno consolidando relativi al periodo tra giugno e settembre – dice Bernabò Bocca di Federalberghi – parlano di un’ estate su e giù per lo stivale per 33,3 milioni di persone, pari al 55% dei connazionali. Il che costituisce un più 9,5% rispetto al 2015». Ma anche gli stranieri saranno quasi 28 milioni. Il Codacons ha stimato una spesa degli italiani in vacanza intorno ai 16,4 miliardi di euro. E non è la cifra totale: restano fuori trasporti, biglietti aerei, benzina e pedaggi. Ed è stato il mese di agosto (67,7% contro il 60,9% dell’ anno precedente) quello che più ha rallegrato gli operatori. Si tratta di un’ impennata tale da spostare l’ ago della bilancia del turismo sul Pil? «Il turismo in Italia incide per il 4% sul totale del prodotto interno lordo – spiega il presidente Codacons Carlo Rienzi – arrivando così ad un 10%, considerando anche l’ indotto, e solo per le vacanze estive 2016 l’ incidenza potrebbe essere attorno all’ 1%. Ma bisogna essere prudenti e aspettare cosa accadrà in settembre per parlare di numeri definitivi». Invita alla prudenza anche Gianni Bastianelli, direttore esecutivo dell’ Enit: «Per tirare le somme aspettiamo il mese di settembre che incide molto sul calcolo finale». Secondo Bastianelli le regioni che sono riuscite a ottenere migliori performance sono quelle che hanno messo sul piatto un’ offerta completa. Una per tutte? «La Puglia è stata in grado di mettere insieme il bel mare, le città d’ arte, il cibo ottimo e anche il divertimento. Sempre di più chi va in vacanza cerca un’ esperienza che riesca a metterlo in contatto con la località che ha deciso di visitare. Anche la Sicilia è andata benissimo perché ha lo stesso tipo di offerta “pacchetto completo”». Dove sono andati gli italiani in vacanza? Un’ indagine realizzata da Federalberghi con il supporto dell’ Istituto ACS Marketing Solution fotografa un 62% nelle località marine, l’ 11% nelle isole minori, il 7,7% nelle località d’ arte (rispetto al 4,2% dal 2015), la montagna ha il 6,7% delle preferenze. Benissimo anche la vacanza per mare. Al sicuro da attentati terroristici cattura anche nuovi appassionati. Nei primi mesi dell’ anno le prenotazione sono aumentate dell’ 87% e i ricavi (dati sui noleggi di barche a vela e motore) potrebbero superare i 500 milioni di euro. ©RIPRODUZIONE RISERVATA.
irene maria scalise

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox