26 Novembre 2021

Fedez festeggia l’uscita di ‘Disumano’, il Codacons: “Ci cita in un brano? Noi lo ringraziamo”

A partire dalla mezzanotte di oggi, 26 novembre 2021, è disponibile il nuovo album di Fedez, Disumano, ampiamente annunciato nei giorni scorsi con una discussa strategia di marketing che aveva fatto parlare di una sua discesa in campo alle elezioni politiche del 2023.

“Piccola festa silenziosa, ché ci sono i bambini” dice il cantante nelle storie Instagram brindando all’uscita del disco con la moglie Chiara Ferragni e ad alcuni amici. “Ho preparato un post per celebrare le quereline che arriveranno con il disco… Ma non arriveranno!” aveva scherzato qualche ora prima il rapper, anticipando i contenuti di una pubblicazione social dove Matteo Salvini, Vittorio Sgarbi, Simone Pillon, Matteo Renzi e il presidente del Codacons Carlo Rienzi sono protagonisti di fotomontaggi che li mostrano sponsorizzare il suo Disumano.

Il Codacons replica a Fedez

Note, ormai, sono le battaglie che da tempo vedono agli antipodi Fedez e il Codacons. Della querelle il rapper parla in uno dei brani di Disumano e, a tal proposito, è intervenuta l’Associazione dei consumatori. “Fedez cita il Codacons in un suo brano? A lui va il nostro più sentito ringraziamento: così ci permette di far conoscere meglio, e ad un pubblico vastissimo, la nostra intensa attività a tutela dei consumatori che ci consentirà ora di difendere con ancora più incisività i diritti dei cittadini”.

“Il Codacons coglie anzi l’occasione per fare un appello a tutti gli influencer italiani, affinché promuovano l’attività dell’associazione aiutandola ad aumentare le azioni di difesa civica e dei diritti dei più deboli, partendo dal pubblicizzare il calendario 2022 ‘Dove c’è cuore c’è casa’ realizzato dal Codacons e lanciato pochi giorni fa” aggiunge ancora l’Associazione parlando del calendario “che, attraverso 12 scatti in cui si racconta la famiglia non tradizionale, promuove i diritti della comunità Lgbt e combatte le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere”.

“Speriamo – conclude il Codacons – che Fedez sia il primo a raccogliere l’invito. Basti pensare che solo nel 2020 il Codacons ha presentato oltre 250 esposti, denunce e atti vari in merito all’emergenza Covid, che hanno portato ad indagini di Procure di tutta Italia e Antitrust contro truffe, speculazioni su prezzi, prodotti anti-Covid farlocchi, decessi sospetti, omissioni nel settore della sanità, ritardi nelle forniture dei vaccini, e altre irregolarità a danno dei cittadini denunciate proprio dall’associazione”.
Gli attacchi di Fedez in Disumano

Fedez ha dato qualche assaggio ‘live’ del nuovo album, facendo ascoltare in brevi video sulle sue storie di Instagram alcune strofe che non sono passate inosservate.

“Io e mia moglie siam tutti esauriti, tutti i desideri esauditi, come Renzi quando si è preso 80.000 petroldollari sauditi” dice una strofa del brano ‘Un giorno in pretura’, in cui Fedez farebbe anche autoironia sul suo rapporto con Amazon oltre a citare la frase di Renzi “This was the first reaction: shock”. Proprio su un viaggio in Arabia Saudita, Fedez aveva già attaccato Renzi via social qualche settimana fa, accusando il leader di Italia Viva di non essere stato presente in Parlamento il giorno in cui è stato affossato il ddl Zan: “Ma il Renzi che si proclamava paladino dei diritti civili è lo stesso che oggi pare sia volato in Arabia Saudita mentre si affossava il ddl Zan? Per celebrare la libertà di parola organizziamo una partitella a scarabeo con Kim Jong-un?”, scrisse ironico su Twitter. Ora il rapper ha deciso di cantargliele.

La track list di Disumano

La track list contiene diversi titoli: ‘Un giorno in pretura’, ‘Fede e Speranza’, ‘Stupido Stupido’ (in cui secondo le indiscrezioni della rete ci sarebbe un’altro gioco di parole ‘politico’, “Non è un paese per santi, per pazzi, per Craxi”), la canzone ‘Vittoria’ dedicata alla figlia, ‘Guarda cosa mi fai fare’, ‘Vecchio’ con Dargen D’Amico, ‘Fuori dai guai’ con Cara, ‘Notte Brava’, ‘Le madri degli altri’ con Tananai. Presenti anche le già note ‘Morire Morire’, ‘Bella Storia’, ‘Sapore’ con Tedua, ‘Bimbi per strada’ (Children), ‘Meglio del cinema’, ‘Mille’ con Achille Lauro e Orietta Berti, ‘Problemi con tutti (Giuda)’ e ‘Chiamami per nome’ con Francesca Michielin.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox