7 Febbraio 2005

Federconsumatori: «No alla lista dei consumatori promossa da chi risponde al sindaco»

Federconsumatori: «No alla lista dei consumatori promossa da chi risponde al sindaco»
«Convocare subito l`osservatorio provinciale dei prezzi»

Il presidente provinciale dei Federconsumatori Nunzio Vasta ha sollecitato al prefetto, al presidente della Camera di Commercio e alla Giunta camerale di Catania la convocazione urgente del`Osservatorio dei prezzi e di tutti i soggetti interessati.
Una richiesta già avanzata in dicembre negli incontri promossi da Federconsumatori con Assindustria, Confcommercio, Confesercenti, Coldiretti, Associazioni allevatori, Confcooperative e Lega cooperative. «Non si comprendono – scrive al presidente della Camera di Commercio – i motivi gravi e ingiustificati di tale ritardo della convocazione nella convocazione dell`Osservatorio provinciale dei prezzi, con la presenza di sua eccellenza il prefetto di Catania». «La drammaticità del costo della vita si fa ogni giorno più grave senza che ognuno di noi dia un contributo concreto e di proposte per contrastare gli speculatori e i parassitari finanziari della filiera agroalimentare. La presidenza della Camera di Commercio di Catania su questo tema, nelle ultime settimane, è in grave ritardo per costruire una politica di sinergia e di unità di tutti i soggetti protagonisti, affinché si avvii un metodo nuovo di lavoro che dia credibilità sulle proposte d`avanzare alle istituzioni. Ogni ritardo su questa tematica colpisce negativamente in particolare le fasce sociali più deboli della città e della provincia».
Lo stesso Vasta, in qualità di coordinatore nazionale della Fderconsumatori, rende noto che «non esiste nessuna intesa ufficiale con le grandi associazioni nazionali per scendere in campo sul piano politico e per presentarsi alle competizioni future». Ricorda che la sua associazione è stata contraria alla formazione di una lista dei consumatori alle europee e che «non si può utilizzare il nome dei consumatori senza che la stragrande maggioranza di essi non abbiano dato consenso creando equivoci e contraddizioni in tutto il mondo dei consumatori e negli elettori». «L`iniziativa della costituzione della lista dei consumatori nella città di Catania è ancora più grave, in quanto uno dei massimi sostenitori di tale lista è l`avvocato Francesco Tanasi, vice presidente nazionale del Codacons, assunto per comando dal sindaco Umberto Scapagnini, a cui è stato dato l`incarico di coordinatore dell`ufficio consumatori del Comune di Catania, senza avere avuto mai il consenso di rappresentanza di una gran parte di associazioni nazionali». «Le istituzioni – sottolinea Vasta – devono avere un rapporto corretto con tutti i soggetti produttivi della città, affinché cresca una consapevolezza e una fiducia nei confronti dei cittadini che vedono le istituzioni come un punto di confronto e di riferimento della società». E conclude dicendo che «la Federconsumatori, su questi contenuti, è stata ed è disponibile al confronto di merito, affinché la città abbia servizi efficienti, produttivi e di qualità con prezzi accessibili alla collettività».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox