11 Giugno 2015

Fecondazione assistita, donna muore in ospedale dopo intervento: indagati due medici

Fecondazione assistita, donna muore in ospedale dopo intervento: indagati due medici

Una donna di 38 anni, Arianna Acrivoulis, residente a Bitritto (Bari), è deceduta ieri nell’ospedale “Florenzo Jaja” di Conversano, dopo essere stata sottoposta ad un intervento di fecondazione assistita.
Indagati due medici per omicidio colposo
Due medici sono stati iscritti nel registro degli indagati della procura di Bari per cooperazione in omicidio colposo. Nelle prossime ore il pm inquirente del Tribunale di Bari, Luciana Silvestris, affiderà l’incarico per l’autopsia. Secondo quanto si è appreso finora, la donna sarebbe deceduta in sala operatoria dell’unità di fecondazione medica assistita dopo l’agoaspirazione ovarica. A denunciare l’accaduto è stato il padre 83enne della donna. I carabinieri hanno sequestrato la cartella clinica.
Ministro Lorenzin invia task force a Conversano
Il ministro della salute Beatrice Lorenzin ha inviato all’ospedale “Florenzo Jaja” di Conversano la task force costituita all’interno dell’unità di crisi permanente per il coordinamento degli interventi urgenti in caso di gravi eventi verificatisi nell’erogazione di prestazioni da parte del Servizio Sanitario Nazionale. La task force composta da dirigenti della direzione programmazione del Ministero, da carabinieri del Nas, da dirigenti ed esperti di Agenas, e rappresentanti delle Regioni, «dovrà acquisire tutti i documenti utili per fare luce sul decesso della signora Arianna Acrivoulis». Una prima relazione sull’accaduto dovrà pervenire al ministro Lorenzin entro le prossime 48 ore.
Codacons: accertare se a Bari caso malasanità
Il Codacons parla di «grave episodio per il quale la magistratura dovrà fare chiarezza, accertando cause e responsabilità». «Vogliamo sapere se si è trattato dell’ennesimo caso di malasanità italiana – ha affermato il presidente dell’associazione di consumatori Carlo Rienzi – e vi siano stati errori od omissioni che hanno contribuito a determinare il decesso. In tal caso, i responsabili andranno puniti severamente, e dovranno essere presi provvedimenti nei confronti degli enti responsabili della sanità in regione».©RIPRODUZIONE RISERVATA

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox