fbpx
2 Gennaio 2018

Farmacia generosa ma la categoria la osteggia: «Sleali quegli sconti»

Ad un anno e mezzo dalla sua inaugurazione, la farmacia “h24” di Manduria diventa un vero e proprio caso. E questo per due ragioni. È presa d’ assalto dai clienti non solo manduriani (è l’ unica in provincia di Taranto a restare aperta ininterrottamente 24 ore al giorno), ma soprattutto per un altro primato: non si fa pagare le prenotazioni di visite e interventi presso ospedali e strutture sanitarie accreditate né l’ addizionale sulle ricette “spedite” nelle ore notturne. «Un’ opera di natura sociale», per la proprietà della farmacia; una sleale concorrenza, invece, per la categoria dei farmacisti che alla luce dei recenti aumenti (raddoppio dell’ addizionale che da 3,87 euro è passata da ieri a 7,50 euro per ogni ricetta), sguainano le spade. Il “caso” ha interessato la Federfarma, la potente associazione di categoria che ha chiesto alla “Farmacia H24”, per ora cortesemente, di adeguarsi alle regole. La proprietà, da parte sua, insiste e non ne vuole sapere. «A parte il fatto che trovo tale addizionale ingiusta in sé, non tollero che qualcuno debba dettare regole in un’ attività d’ impresa che è privata», fanno sapere dalla società proprietaria della licenza e dell’ attività che va a gonfie vele e che proprio in queste ore ha affidato il compito ad un ufficio legale e al responsabile della contabilità per decidere come muoversi. L’ aumento in questione, ancora poco conosciuto dall’ utenza e non del tutto applicato, è partito da ieri primo gennaio. Lo ha stabilito il decreto del 22 settembre scorso che porta la firma del ministro della Salute, Beatrice Loren zin, pubblicato nella Gazzetta ufficiale del 9 novembre. Il decreto deciso in un tavolo di lavoro che ha visto riunite tutte le associazioni di categoria tra cui la Federfarma e gli Ordini dei farmacisti, stabilisce il raddoppio del supplemento sui medicinali acquistati fuori dall’ orario canonico, da 3,87 e 7,50 euro che può arrivare sino a 10 euro nelle farmacie cosiddette “rurali” situate nei piccoli centri con meno di tremila abitanti. Va chiarito che tali aumenti non si applicano sulle ricette emesse dalle guardie mediche né su quelle dove il medico prescrittore abbia specificato l’ urgenza del medicinale. In tutti questi casi l’ addizionale sarà a carico del Servizio sanitario nazionale. Per il Codacons, l’ associazione che tutela il consumatore, il nuovo balzello è “un ignobile speculazione”. Lo è anche per la proprietà della farmacia sempre aperta di Manduria che insiste sulla sua funzione sociale. «Introdurre aumenti a danno di chi ha bisogno dei medicinali – insiste -, è quanto di più ingiusto possa esserci». Intanto i clienti fanno la fila. La foto che mostra la coda di gente in attesa sino all’ esterno della farmacia H24 è stata scattata domenica 31 dicembre.
nazareno dinoi

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox