13 Giugno 2011

Famiglia travolta da un albero, sei feriti

Non è la prima volta che un albero cade a Villa Borghese: il 12 ottobre 2009, dopo un violento nubifragio, ne erano caduti tre. Ma una tragedia accadde nel 2008, al Quadraro, quando la caduta di un albero provocò la morte del piccolo Nicolò Blois, 13 anni, mentre giocava nel giardino di via Lucio Mario Perpeto. Oggi quella porzione di verde porta il suo nome. «Un vero miracolo – commenta l’ assessore all’ Ambiente, Marco Visconti – L’ albero era sanissimo, nessuno poteva immaginare che i funghi avevano mangiato le radici. Questo è il vero problema, non c’ è nessuno strumento che possa segnalare queste problematiche. L’ albero non presentava alcun segno, non aveva buchi. Alberi come questo olmo e i pini secolari possono cedere all’ improvviso, dopo quello che è successo oggi faremo un monitoraggio minuzioso». E poi aggiunge: «Ho chiesto una relazione accurata al servizio giardini entro una settimana anche delle cose più insignificanti. Abbiamo fatto tanto per questo parco dall’ aumento dei turni di pulizia alle sentinelle del verde. E ancora molto c’ è da fare». E pensare che a villa Borghese ci sono nove platani considerati uno dei patrimoni storici e naturalistici più importanti d’ Europa. Con ben 400 anni alle spalle, i platani si trovano nel terzo recinto che comprende tutta l’ area che oggi va da piazza di Siena fino alla Valle dei Platani, o del Graziano, la parte più ampia di circa quaranta ettari degli ottanta complessivi della villa. Piante antiche e assolutamente non comuni, originarie dei Paesi del Mediterraneo orientale e della Sicilia, le sole presenti a Roma. «Un patrimonio unico che va assolutamente tutelato», dicono Marta e Giancarlo residenti in via di Porta Pinciana, che insieme ad alcune associazioni che si occupano del Parco nei prossimi giorni «chiederemo di sapere le reali condizioni degli alberi». Il presidente del Codacons, Carlo Rienzi chiede al sindaco Gianni Alemanno di «disporre un monitoraggio urgente su tutti gli alberi e le piante della Capitale, per verificare gli arbusti che versano in condizioni critiche e che possono rappresentare un pericolo considerato che a Roma si registrano troppi incidenti di questo tipo che a volte finiscono in tragedia». El. Pan. RIPRODUZIONE RISERVATA.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox