4 Dicembre 2017

Fake news e social network

 

Qualche mese fa un utente di Facebook di Parma, pubblicò una foto di se stesso spacciandosi per il cugino della Presidente della Camera Laura Boldrini. “Questo è Augusto Boldrini, il cugino della Boldrini. È stato assunto alla Camera dei deputati e guadagna 37 mila euro al mese, pur avendo la quinta elementare. I tg non ne parlano. Vergogna”. La foto raffigurava il volto di un bell’ uomo, uguale però a quello che lo aveva postato. Questa che nell’ intento dell’ autore voleva essere solo una piccola provocazione per screditare quanti ci avessero creduto, si è rivelata come una vera e propria storia immaginaria che ha suscitato indignazione e vergogna. La foto, infatti, ha avuto più di 150mila condivisioni e migliaia di messaggi di indignazione sia nei confronti della Presidente della Camera sia nei confronti di Augusto Boldrini, reo di essere stato assunto in un posto di prestigio, con la quinta elementare, un mondo immaginario insomma a cui in tanti, in troppi hanno creduto. La foto ancora in circolazione continua a suscitare indignazione. Il caso citato ci fa riflettere su come una notizia palesemente falsa, possa circolare e suscitare anche sentimenti quali indignazione e vergogna. Ci fa riflettere, inoltre, su come gli utenti dei social network di fronte ad una qualsiasi notizia non si soffermino a capire o solo guardare. Nel caso di Augusto Boldrini sarebbe bastato confrontare il volto dell’ autore con il volto del presunto cugino della Presidente della Camera per capire che in realtà erano Potete contattare il CODACONS e lasciare un commento ai nostri articoli all’ indirizzo: codacons.campania@gmail.com

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox