28 Agosto 2009

Facebook limita l’accesso ai dati personali

Creatori di quiz, giochi, oroscopi e altre divertenti «applicazioni» prossimamente non avranno più accesso automatico alle preziose informazioni personali degli utenti di Facebook: il celebre sito di social-networking ha accettato di modificare il suo funzionamento su richiesta del Canada. Il commissario canadese alla privacy, la signora Jennifer Stoddart, ha affermato che il sito ha risposto alle sue preoccupazioni in merito alle lacune in materia di rispetto della vita privata. è una decisione – secondo lei – che avrà un forte impatto sulle operazioni di Facebook in tutto il mondo e per i suoi 250 milioni di utenti. Il sito ideato da Mark Zuckerberg ha accettato di limitare l’accesso alle informazioni personali dei suoi abbonati da parte dei creatori delle applicazioni, che permettono agli iscritti di distrarsi o di misurare le loro attitudini al gioco e quelle dei loro amici. Si tratta di meno di un milione di persone che lavorano a queste applicazioni nel mondo. Le critiche canadesi contro Facebook hanno avuto una eco mondiale il mese scorso. In risposta alla denuncia avanzata dalla Facoltà di diritto dell’Università di Ottawa, Stoddart aveva concluso che con un accesso illimitato alle informazioni personali degli utenti, anche dopo che questi hanno chiuso la pagina personale, Facebook non rispetta la legge canadese sulla privacy. Tenendo conto delle difficoltà tecnologiche associate alla modifica del sito, l’azienda stima che per riuscire a effettuare le modifiche chieste servirà almeno un anno, un tempo che il commissario ritiene accettabile.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox