3 Maggio 2015

EXPO: DANNI DA DEVASTAZIONE NON SIANO PAGATI DA COLLETTIVITA’

    EXPO: DANNI DA DEVASTAZIONE NON SIANO PAGATI DA COLLETTIVITA’

    ESPOSTO
    CODACONS A CORTE DEI CONTI CONTRO FONDO DA 1,5 MILIONI ANNUNCIATO DA
    MARONI. PER VETRINE E AUTO DISTRUTTE PAGHINO I RESPONSABILI DEI DANNI E
    CHI NON HA SAPUTO EVITARLI

    Il Codacons annuncia battaglia contro il fondo da 1,5 milioni di euro annunciato dal presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, allo scopo di risarcire i danni prodotti dai black block alla città di Milano.
    E’ inaccettabile che a pagare per le violenze messe in atto da teppisti delinquenti e per le incapacità delle istituzioni sul fronte della pubblica sicurezza, siano i cittadini – attacca l’associazione – Il milione e mezzo di euro stanziato dalla Regione, infatti, è costituito da soldi dei contribuenti, versati attraverso il pagamento di tasse e imposte. Risorse che ora verranno inevitabilmente sottratte ad altri settori per andare a risarcire i danni prodotti dai black block.
    Per tale motivo il Codacons annuncia un esposto alla Corte dei Conti della Lombardia, affinché sia aperta una indagine sul fondo annunciato dal presidente Maroni volta a verificare se la decisione dell’amministrazione regionale possa rappresentare una spreco di risorse pubbliche e un danno per la collettività.
    I danni prodotti dai black-block alla città di Milano vanno risarciti, ma a pagare non devono essere gli utenti, bensì i responsabili delle devastazioni individuati dalle autorità e quei soggetti istituzionali che non hanno saputo prevenire ed evitare un simile scempio – conclude il Codacons.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox