20 Ottobre 2015

Expo: Codacons, Procura sequestri incassi a garanzia rimborsi visitatori

Expo: Codacons, Procura sequestri incassi a garanzia rimborsi visitatori

Milano, 20 ott. – (AdnKronos) – Sarà notificata oggi al giudice di pace di Roma la prima causa di rimborso per conto di un visitatore della capitale che, recatosi ad Expo, non è riuscito a vedere i padiglioni a causa delle file eccessive. Ne dà notizia il Codacons, che assiste legalmente l’utente nella causa contro Expo 2015, finalizzata ad ottenere il rimborso del corrispettivo pagato per il biglietto di ingresso all’evento e per il viaggio di andata e ritorno in treno da Roma a Milano.Contestualmente il Codacons ha deciso di presentare una istanza alla Procura della Repubblica di Milano, affinché si proceda al sequestro cautelativo degli incassi realizzati da Expo 2015.“Si tratta di una misura a nostro avviso indispensabile a garanzia della tutela dei diritti dei consumatori – spiega il presidente Carlo Rienzi – Siamo infatti sommersi dalle richieste dei cittadini che vogliono avviare analoghe azioni di risarcimento contro Expo, per non essere riusciti a visitare i padiglioni a causa delle code e del numero eccessivo di visitatori fatti accedere all’esposizione. Il sequestro degli incassi si rende quindi necessario in considerazione del fatto che su Expo 2015 potrebbe abbattersi una raffica di cause di risarcimento, le quali dovranno avere adeguata copertura nel caso in cui i giudici riconoscessero la lesione dei diritti degli utenti”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox