10 luglio 2018

Ex Popolari venete, rimborsi a rischio

RISPARMIO VENEZIA Soci Popolari venete: risparmiatori a Roma per premere per il varo dei decreti attuativi della legge per il rimborso da 100 milioni. «Se non vengano approvati c’ è il rischio di non rimborsare nessuno quest’ anno e di perdere i primi 25 milioni – avverte Patrizio Miatello dell’ associazione Ezzelino da Onara -. C’ era l’ impegno del premier Conte che sarebbe stato il primo atto del nuovo governo, invece nulla. Ci si dice che il Consiglio di Stato avrebbe dato il suo via libera, ma anche su questo punto non vi sono certezze. Vogliamo capire se veramente c’ è la volontà di ristorare i soci rovinati delle banche». A Montecitorio con i veneti ci saranno anche i rappresentanti dei risparmiatori di Popolare Bari, ex Etruria e delle banche del Centro Italia. «Il decreto è l’ unica soluzione per far riavere in tempi celeri i soldi a chi li ha perduti – avverte l’ associazione friulana Consumatori Attivi capitanata dall’ avvocato barbara Puschiasis -. Anche il nuovo #Governo pare essersene reso conto che la soluzione da noi da sempre promossa e sostenuta è l’ unica possibile. Ora dalle parole si deve passare ai fatti». Rimane una certa freddezza della politica e del governo. Prima delle elezioni i partiti erano in coda per incontrare i risparmiatori azzerati, oggi invece il Palazzo è impegnato. «Per ora gli unici incontri confermati sono col Pd e di Fli – rivela Franco Conte del Codacons Veneto – speriamo di poter incontrare rappresentanti della maggioranza e il governo». M.Cr. © RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this