16 Maggio 2014

“Evitare le truffe controllando la partita Iva del fornitore” di Dott. Stefano Ielmini

    “Evitare le truffe controllando la partita Iva del fornitore” di Dott. Stefano Ielmini

    Chiunque fa acquisti può controllare
    se la partita iva del fornitore esiste realmente, se e’ attiva e se appartiene
    al soggetto che ha rilasciato la fattura, lo scontrino o la
    ricevuta.

     

    L’Agenzia delle Entrate ha infatti
    attivato un servizio per la verifica di queste informazioni.

     

    Utilizzarlo e’
    semplicissimo.

     

    Si entra nel sito dell’Agenzia delle
    Entrate nella sezione Servizi online e si opta per la scelta  “servizio di
    verifica partita iva”.

     

    Per semplicità riportiamo
    direttamente il link:

     

    https://telematici.agenziaentrate.gov.it/VerificaPIVA/Scegli.do?parameter=verificaPiva

     

    Si inserisce la partita iva da
    controllare ed il codice di sicurezza video o audio indicato nella
    pagina.

     

    Il risultato dell’operazione di
    verifica della partita iva fornisce le seguenti
    informazioni:

     

    • dati anagrafici del titolare della
      partita iva
    • data di inizio
      attività
    • data di eventuale cessazione e
      cancellazione della partita iva
    • eventuali situazioni di sospensione
      dell’attività

     

    Discrepanze tra i dati in fattura ed
    i dati forniti dal sistema vanno prontamente segnalate all’Agenzia delle Entrate
    oppure alla Guardia di Finanza che provvederanno ad accertare se si tratta di
    frode commerciale.

     

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox