1 Dicembre 2001

EURO: LE REGOLE DI ARROTONDAMENTO STABILITE DAL CIPE SONO EQUE?

I CITTADINI RISCHIANO OLTRE 1.000 MILIARDI DI LIRE IN CASO DI ARROTONDAMENTI SFAVOREVOLI L?ASSOCIAZIONE CRITICA LA DELIBERA DEL CIPE CHE FISSA L?ARROTONDAMENTO PER DIFETTO SOLO SE L?ULTIMA CIFRA DECIMALE NELLA CONVERSIONE IN EURO E? COMPRESA TRA 0 E 4





La delibera n.90 del 15/11/2001 del CIPE (Comitato Interministeriale per la Politica Economica) stabilisce al punto 2 che i soggetti economici, nell?effettuare gli arrotondamenti nella conversione da lire in euro, debbano attenersi alle seguenti regole: ?Per ragioni di semplificazione delle operazioni di esazione dei prezzi e delle tariffe del settore, un arrotondamento successivo alla mera operazione di conversione di cui nel precedente punto 1., può essere effettuato a condizione che sia a favore dell?utente ovvero in modo da conseguire un effetto di neutralità della spesa per la generalità degli utenti del servizio. A tal fine detti arrotondamenti potranno essere in eccesso, se l?unità di riferimento è pari o superiore a cinque, ovvero in difetto, se l?unità di riferimento risultante dall?operazione di conversione è compresa tra zero e quattro. Per unità di riferimento si intendono i decimali, quando il valore in lire è già espresso in migliaia di lire, ovvero i centesimi, quando il controvalore in lire è già indicato in centinaia di lire. ?

Questo significa che se il prezzo di un bene è di 8,324 ?, lo stesso deve essere portato a 8,32?; se invece il prezzo fosse 8,325?, l?arrotondamento avverrebbe per eccesso, portando il costo del bene a 8,33?.

Questa disposizione sembra andare contro le regole matematiche seguite finora, che disponevano per tutte le occasioni arrotondamenti per difetto se la cifra finiva con un numero compreso tra 0 e 5, e per eccesso se tra 6 e 9.

Dall?1 gennaio 2002, però, entreranno in gioco i soldi degli utenti. Questo punto decimale tolto ai consumatori potrebbe costare agli italiani la bellezza di 1.000 miliardi di lire!!
Senza contare poi che sono già in atto aumenti e arrotondamenti selvaggi da parte di commercianti ed enti pubblici e privati.

Il CODACONS critica la disposizione di arrotondamento del CIPE, che potrebbe andare in molti casi a svantaggio del consumatore.

    Aree Tematiche:
  • EURO
Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox