1 Agosto 2019

ESTATE: OMBRELLONI CHIUSI, A GIUGNO-LUGLIO FINO A -25%

     

    CODACONS: CALO PRESENZE NON E’ SOLO COLPA DEL METEO. TARIFFE TROPPO ALTE ALLONTANANO CITTADINI DA SPIAGGE

    Il calo delle presenze presso gli stabilimenti balneari a giugno e luglio non è da attribuire solo alle condizioni meteorologiche. Lo afferma il Codacons, che punta il dito sulle tariffe praticate dai lidi italiani.
    “Ad allontanare le famiglie dalle spiagge è anche il fenomeno del caro-prezzi – spiega il presidente Carlo Rienzi – Oggi infatti andare al mare ed affittare lettini, sdraio e ombrelloni risulta sempre più dispendioso, soprattutto se alle tariffe praticate dagli stabilimenti si aggiungono i costi della benzina per raggiungere le località di mare, quelli per cibo e bevande acquistate ai lidi, ecc. Gli aumenti dei prezzi praticati dagli stabilimenti balneari sono stati quest’anno contenuti, e nell’ordine del 2%-2,5%, ma in ogni caso le tariffe nel nostro paese risultano più elevate rispetto alla media europea. Per affittare un ombrellone e due lettini in alcune spiagge rinomate si arriva a spendere anche 50 euro al giorno, non considerando ovviamente le tariffe record praticate nei lidi “vip”, dove si arriva a spendere più di 1.000 euro al giorno”.
    “E’ vero che oggi gli stabilimenti offrono sempre più servizi e ciò comporta un costo maggiore per gli operatori, ma la crescita delle tariffe registrata negli ultimi anni spinge inevitabilmente le famiglie a rinunciare al mare, o scegliere soluzioni alternative come spiagge libere o piscine in città” – conclude Rienzi.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox