27 Luglio 2011

ESTATE: MATTEOLI, BASTA INCIDENTI, MINISTERO AL LAVORO

    IL CODACONS: ECCO LE REGOLE PER VIAGGIARE SICURI ED EVITARE INCIDENTI

    Il Codacons, che attraverso il suo Presidente Carlo Rienzi ha partecipato oggi alla conferenza stampa sul piano per l’esodo estivo 2011, diffonde una serie di consigli pratici agli automobilisti per affrontare gli spostamenti estivi in tutta sicurezza ed evitare il rischio di incidenti.
    “La grande novità di quest’anno – spiega Rienzi – è la possibilità di partire anche di venerdì, grazie al provvedimento del Ministro Matteoli che ha vietato la circolazione dei mezzi pesanti nei venerdì di intenso traffico. Una decisione che garantisce maggiore sicurezza stradale, e per la quale oggi lo stesso Ministro ha ringraziato pubblicamente il Codacons, artefice del ricorso al Tar del Lazio che ha portato alle nuove limitazioni”.
    Ecco dunque le regole da seguire:

    1) Scegliere con attenzione il giorno della partenza: è consigliabile verificare in anticipo se la data prescelta per la partenza rientri nei giorni da “bollino nero” previsti dalle società autostradali, o se sia previsto forte maltempo nella tratta di nostro interesse. In tal caso, se si ha la possibilità, è meglio anticipare o posticipare la partenza, per evitare di imbattersi in code e rallentamenti che oltre ad allungare i tempi di viaggio creano stress e stanchezza nei guidatori.

    2) Distanza di sicurezza: Considerate che prima di iniziare a frenare occorre un tempo di reazione che può variare da 1 a 2 secondi e che in un secondo a 130 Km si percorrono già 36 metri. E’ necessario mantenere, perciò, una distanza corretta dal veicolo che ci precede, e cercare di avere una vista "lunga".

    3) Attenzione ai bagagli. In caso di incidente potrebbero rivelarsi dei veri e propri proiettili impazziti. Posizionare borse, sacchi o altro sopra il ripiano del bagagliaio è pericolosissimo, poiché in caso d’urto questi ci saranno scaraventati addosso.

    4) Posizione dei veicoli sulla carreggiata. I veicoli devono circolare in prossimità del margine destro della carreggiata, anche quando la strada è libera. In autostrada si deve percorrere la corsia più libera a destra. Molti invece stanno in pianta stabile nella corsia centrale o in quella di sinistra, che sono riservate alla fase del sorpasso.

    5) Corsie di emergenza. Tutti sappiamo che è vietato circolare sulle corsie d’emergenza. Pochi sanno, però, che la sosta d’emergenza non deve protrarsi oltre le tre ore. Durante la sosta di notte, in caso di visibilità limitata, devono sempre essere tenute accese le luci di posizione. Ricordatevi poi di indossare l’apposito giubbotto. Non fermatevi a fare pipì (o a farla fare ai vostri figli) nelle corsie d’emergenza, ma raggiungete la più vicina area di servizio.

    6) Colpi di sonno. Le ore più a rischio sono dalle 2 alle 6 e dalle 14 alle 16. Evitare pasti abbondanti o difficili da digerire e l’ingestione di bevande alcoliche. Fate soste almeno ogni due ore, scendendo a sgranchirvi le gambe. Non cercate di stare svegli a tutti i costi con caffè, radio accesa e finestrino aperto.

    7) Non distraetevi. C’è stata la crociata contro il telefonino. Ma ci si dimentica che mentre si guida non si dovrebbe neanche mangiare, bere, regolare l’autoradio, accendere la sigaretta (anzi bisognerebbe proprio non fumare, il fumo riduce lo stato di vigilanza), consultare la cartina, cercare qualcosa nel portaoggetti, guardare il navigatore, litigare con altri passeggeri o guardare cosa è accaduto nella corsia opposta. Molti tamponamenti avvengono proprio perché si rallenta improvvisamente per vedere un altro incidente.

    8) Sorpasso. E’ nel momento del sorpasso che in autostrada avviene il maggior numero di incidenti. L’utente che viene sorpassato deve agevolare la manovra e non accelerare. Mantenete la distanza di sicurezza anche nelle fasi del sorpasso, altrimenti non consentite al veicolo che vi precede di comprendere le vostre intenzioni e, se uscite dalla scia all’ultimo momento, rischiate di ritrovarvi stretto contro il guard-rail. Guardate sempre anche nello specchietto esterno ed adoperate le frecce con un certo anticipo.

    9) Controllare l’efficienza del veicolo. In particolare la pressione e l’usura delle gomme (anche di quella di scorta), i freni, il funzionamento delle luci, specie quelle posteriori, i tergicristalli, olio e liquido di raffreddamento.

    10) Due è sempre meglio di una. Le mani sempre sul volante questa è la prima regola che ci viene insegnata ma spesso è la prima che si dimentica. La mano fissa sul cambio è da evitare.
     

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox