1 Agosto 2013

ESTATE: CRISI OMBRELLONE, 10 MILA LAVORATORI A CASA E -40% PRESENZE AL MARE

ESTATE: CRISI OMBRELLONE, 10 MILA LAVORATORI A CASA E -40% PRESENZE AL MARE

CODACONS: CONFERMATE NOSTRE PREVISIONI. ORAMAI LE VACANZE ESTIVE SONO UN LUSSO PER POCHI

CRISI CAMBIA LE ABITUDINI DEGLI ITALIANI: OGGI IN SPIAGGIA SI VA CON IL PRANZO PORTATO DA CASA E L’OMBRELLONE SOTTO IL BRACCIO

L’allarme diffuso oggi dal Sindacato italiano balneari, che ha denunciato la perdita di 10mila lavoratori stagionali e un calo delle presenze al mare del 40%, conferma in pieno le previsioni del Codacons sugli effetti della crisi economica per le vacanze estive degli italiani.
“Lo scorso maggio abbiamo denunciato come le famiglie italiane, sempre più povere, sarebbero state costrette a tagliare le spese per la villeggiatura, e rinunciare al mare e alle vacanze – spiega il Presidente Carlo Rienzi – Oggi il Sib ci da pienamente ragione, confermando come le nostre previsioni fossero corrette e come la crisi influisca sulle scelte dei cittadini”.
“Oramai le vacanze estive sono un lusso per pochi – prosegue Rienzi – e chi va al mare ha modificato totalmente le proprie abitudini: oggi in spiaggia ci si va con il pranzo portato da casa e l’ombrellone sotto il braccio, non si consuma presso chioschi e stabilimenti e si preferisce la spiaggia libera, in modo da ridurre le spese. Scelte obbligate che purtroppo hanno ripercussioni negative anche per gli operatori del settore e per l’occupazione”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this