1 Giugno 2009

Esposto del Codacons, La Procura di Roma apre un’inchiesta

Il caso. Esposto del Codacons, La Procura di Roma apre un’inchiesta Da Pd e Idv doppia interrogazione parlamentare sui voli di Stato

Di Pietro: «Scandaloso il loro per veline e cantastorie».
I democratici: «Usati per eventi privati?»

 

ROMA – La Procura di Roma aprirà un fascicolo relativo alal questione dei voli di Stato e del loro utilizzo da parte delle cariche istituzionali, dopo l’esposto da parte del Codacons, che ha annunciato l’intenzione di costituirsi parte civile nel procedimento. Lo riferiscono fonti giudiziarie, precisando che il fascicolo è intestato «Atti relativi» contro ignoti e il procuratore acquisirà in primo luogo la normativa circa le modalità per l’uso di questi velivoli di Stato, che stabilisce chi è autorizzato ad usufruire di questi voli. Nei giorni scorsi è divampata la polemica circa un eventuale utilizzo dei voli di Stato e dell’ Aeronautica militare da parte di amici e ospiti del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, in Sardegna.
LE FOTO – Per quanto riguarda, invece, gli scatti del fotoreporter Antonello Zappadu, riguardanti ospiti e feste tenute a Villa Certosa, l’indagine continuerà direttamente in Sardegna. Gli atti sul sequestro di queste foto, avvenuto sabato scorso, saranno infatti inviati per competenza alla procura di Tempio Pausania, come aveva deciso il procuratore di Roma, Giovanni Ferrara.
INTERROGAZIONI PARLAMENTARE – «Il governo Berlusconi spende i soldi per la casta, invece che per i cittadini che ne hanno bisogno». Così il leader dell’ Italia dei valori, Antonio Di Pietro, conferma la presentazione di un’interrogazione parlamentare «contro i privilegi della casta» e sull’utilizzo dei voli di Stato «per portare veline e cantastorie nelle ville private, a rallegrare le serate di questo o quel satrapo di turno». «Ci sembra – aggiunge Di Pietro – un’offesa a tante famiglie che non arrivano a fine mese e a tanti operai a casa in cassa integrazione o che purtroppo non hanno proprio più il lavoro».
PD – Ma quella del leader dell’Italia dei Valori non è l’unica iniziativa sull’argomento. Anche il Pd si è mosso con un’interrogazione firmata dai vicepresidenti Marina Sereni e Gianclaudio Bressa e dai deputati Ettore Rosato, Emanuele Fiano, Federica Mogherini, Roberto Zaccaria e Sesa Amici. «Voli di Stato utilizzati per «trasportare persone prive di incarichi pubblici e invitati a partecipare ad eventi privati»? Quali sono i criteri e le regole che la Presidenza del Consiglio ha adottato per determinare le modalità e i limiti nell’uso dei suddetti voli?», così chiedono alla Camera, come al Senato, chiarimenti sull’utilizzo dei voli di Stato. I democratici «interrogano il governo per sapere se corrisponde al vero che i voli di Stato della Presidenza del Consiglio sarebbero stati utilizzati per trasportare persone prive di incarichi pubblici invitate a partecipare ad eventi privati; quali siano i criteri e le regole che la Presidenza del Consiglio ha adottato per determinare modalità e limiti nell’uso dei suddetti voli di Stato».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox