fbpx
31 Marzo 2002

Esodo con code e morti



ROMA ? L`11 settembre e i timori legati al terrorismo sono stati accantonati. Così la voglia di vacanze ha prevalso e, stando a quanto riferisce l`osservatorio della Confesercenti, 16 milioni di italiani sono in viaggio per questo week end pasquale.

Molte già da ieri le partenze verso mare, montagna e città d`arte: non sono mancate code e incolonnamenti. E già si contano anche alcuni incidenti gravi, con tre morti.

Traffico intenso

La società Autostrade ha previsto che lungo i 3 mila chilometri di autostrade che gestisce circoleranno complessivamente per tutte queste vacanze pasquali, da mercoledì scorso e fino a martedì prossimo, quando ci sarà il grande rientro, 16 milioni di autoveicoli. Soltanto nella giornata di giovedì hanno circolato 2 milioni e 600 mila auto. Ieri si è registrato traffico intenso per tutta la giornata, soprattutto dal primo pomeriggio in uscita dalle grandi città e lungo la A1 da Roma verso Firenze e da Roma verso Napoli. Traffico molto intenso anche tra Modena e Bologna, da Genova verso Ventimiglia, in direzione della Francia, e da Milano in direzione di Venezia. Lunghi incolonnamenti sono stati segnalati anche alle frontiere, in particolare al confine con la Slovenia. Due ore e trenta l`attesa al traforo del Monte Bianco, in entrata dalla Francia; un`ora agli imbarcaderi di Villa San Giovanni, per lo Stretto di Messina. Fino a dieci chilometri di code sulla corsia sud tra Pontecagnano e Battipaglia, per i lavori di ampliamento della carreggiata. Anche per oggi si prevedono altre partenze e di conseguenza traffico intenso, soprattutto dalle 7 fino alle 12 e dalle 18 alle 21. La Polstrada metterà in strada 1.600 pattuglie e raccomanda a tutti gli automobilisti: prudenza, mantenere la distanza di sicurezza, rispettare i limiti di velocità, allacciare le cinture, fare ogni tanto una sosta durante i viaggi lunghi. E informarsi sulla situazione del traffico o ascoltando Isoradio o telefonando al Cis (viaggiare informati) al numero 1518. Oggi, domani e lunedì i mezzi pesanti non potranno circolare dalle 8 di mattina alle 22 di sera.

Misure straordinarie

Il Codacons chiede ai ministeri dell`Interno e della Difesa misure straordinarie per prevenire incidenti stradali durante le feste di Pasqua e ricorda che l`anno scorso, nello stesso periodo, ci furono 58 morti e 2 mila feriti. E annuncia anche che chiederà provocatoriamente ai due ministeri «50 mila euro di risarcimento per ogni incidente stradale grave».
E già ieri si sono avuti due gravi incidenti, coinvolti sempre mezzi pesanti. Ieri pomeriggio, nel veneziano, un camion ceko che viaggiava in direzione di Trieste ha invaso la corsia opposta travolgendo altri due mezzi pesanti. Nello scontro i mezzi hanno preso fuoco: due conducenti sono morti sul colpo, uno dei quali carbonizzato, e un terzo è rimasto ferito. Le due vittime sono Giuliano Gressani, 43 anni, di Treviso e Jiri Hrabovsky (36). In precedenza, verso le 12.30, nei pressi di Parma, un Tir che trasportava prodotti alimentari aveva preso fuoco dopo essersi ribaltato, e il conduecente è morto carbonizzato. In entrambi i casi si sono formate lunghe code.


Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox