12 Agosto 2007

ENTE PARCO Il Codacons contesta la nomina di Luigi Sacchini

IL CODACONS, la più conosciuta associazione di difesa dei consumatori, ha impugnato davanti al Tar del Lazio le nomina dei presidenti di quattro parchi nazionali tra i quali quello delle Foreste Casentinesi Monte Falterona e Campigna, Luigi Sacchini. Il Codacons (nella veste di associazione ambientalista di rilevanza nazionale riconosciuta dal ministero dell`Ambiente) evidenzia che in merito alla proposizione dei dati di Leo Auteliano quale presidente dell`Ente Parco Aspromonte, si evince che nel curriculum “mancano notizie sui lavori pubblicati in campo ambientale“. Puntando il dito sulla nomina del presidente del Parco del Pollino, uomo vicino al ministro Pecoraro Scanio, di fatto si mettono in discussione le nomine degli altri presidenti trattandosi di una deliberazione collettiva. L`attacco del Codacons al ministro Pecoraro Scanio è frontale perché, secondo il Codacons “sceglie i presidenti degli Enti Parco con criteri altrettanto discutibili e che ricordano la prima Repubblica“. Sacchini, che in questi mesi ha iniziato una importante opera di rilancio del parco con l`avvio di lavori da tempo al palo, è sereno e si dice convinto che “la sospensiva del provvedimento di nomina non verrà accolta“. Nel frattempo sta preparando la memoria difensiva che verrà appoggiata anche da un documento della Comunità del Parco. In caso contrario a soli 4 mesi dalla nomina del presidente Sacchini, il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi Monte Falterona e Campigna si troverebbe privo di guida, senza presidente, senza il consiglio direttivo che non è stato ancora nominato e senza direttore. A questo punto scatterebbe di nuovo il commissariamento dell`Ente.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox