5 Ottobre 2016

Ennesima discarica a cielo aperto

Ennesima discarica a cielo aperto
lattine, bottiglie e anche un deambulatore abbandonati in alcuni terreni del comune

Un’ altra discarica a cielo aperto nelle campagne. Come ormai accade negli ultimi tempi le denunce di atti di inciviltà corrono spesso anche sul web. Facebook in particolar modo è lo strumento da molti utilizzato per rendere pubblica la situazione in cui versano ad esempio alcune campagne del nostro territorio. Questa volta proprio dal web arrivano le immagini dell’ ennesima discarica a cielo aperto nelle campagne del Vallo di Diano che nel caso specifico riguarda alcuni terreni ricadenti nel territorio del comune di Sant’ Arsenio lungo la strada che conduce alla zona industriale di Polla. Immagini che parlano chiaro: ancora una volta la stupidità ha prevalso sul buon senso di smaltire, nei giorni stabiliti secondo la raccolta differenziata eseguita dal Comune, i vari tipi di rifiuti. Nel caso specifico, lo sciacallo di turno ha sistemato per bene in una confezione delle lattine di thè, abbandonato decine di bottiglie di birra ed addirittura, tra i vari rifiuti, anche un deambulatore. Tutti oggetti che potrebbero essere smaltiti senza difficoltà e impegno visto che nella maggior parte dei comuni del Vallo di Diano la raccolta rifiuti avviene porta a porta. Ed invece si preferisce prendere l’ auto, caricarla di immondizia, sprecare carburante ed andare a gettare i rifiuti lontano da casa, nella campagna a cielo aperto. Tutto questo fa pensare, soprattutto al fatto che an cora troppi cittadini non hanno capito l’ importanza dello smaltimento corretto dei rifiuti e di quanto sia fondamentale preservare da tali inciviltà il nostro territorio. Autobus sovraffollati con studenti diretti dal Vallo di Diano all’ Università degli Studi di Salerno che hanno affrontato un viaggio di circa un’ ora in piedi per mancanza di posti . Un disagio che corre sul web con la segnalazione che è arrivata dal responsabile del Codacons del Vallo di Diano, Roberto De Luca, ricercatore universitario e fruitore quotidianamente del trasporto diretto all’ ateneo salernitano. La testimonianza di De Luca è arrivata con tanto di foto scattata a bordo di auto bus . «Stiamo viaggiando sulla Autostrada A3 Salerno – Reggio Calabria come le bestie -denuncia De Luca – con moltissimi ragazzi in piedi diretti a Fi sciano. È mio dovere segnalare questa incivile situazione: dopo l’ istituzione dell’ abbonamento annuale gratuito, valido per tutte le corse da e per Fisciano, molto probabilmente, aggiunge De Luca, il numero di studenti che ha pensato di poter studiare a Fisciano è aumentato. Pur tuttavia, se queste sono le condizioni di viaggio – continua il responsabile della sede Codacons del Vallo di Diano -credo che molti potrebbero riconsiderare la propria scelta. È come se stessimo ripetendo in coro ai nostri ragazzi la famosa frase di De Filippo: “Guagliu’, fuitavenne”, nell’ indifferenza delle istituzioni che permettono tutto ciò». Alla denuncia di De Luca si aggiungono anche quelle degli studenti che in tempo reale ieri mattina hanno descritto la situazione che si stava vivendo sull’ autobus in questione attraverso le loro pagine facebook. Intanto per il servizio «Abbonamenti gratuiti per gli studenti», il Codacons Vallo di Diano avvisa le famiglie per l’ ennesima data di scadenza entro la quale è possibile fare domanda per usufruire dell’ abbonamento annuale gratuito. «La prossima data – fanno sapere dal Codacons – è prevista per il 7 ottobre anche online per poter godere, solo a partire dal 1° novembre successivo, del beneficio previsto dalla Regione Campania». «Inoltre – continuano il responsabile della sede del Vallo di Diano Roberto De Luca e il responsabile del settore Trasporti Rocco Panetta – si intende fare appello ai Dirigenti Scolastici affinché diano questa informazione agli studenti, classe per classe, distribuendo loro altro utile materiale che può essere raccolto sul sito di Unico Campania».
 
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox