8 Novembre 2006

ENERGIA/ CODACONS: VITTORIA CONTRO ENEL SU MAXICONGUAGLI

Roma, 7 nov. (Apcom) – Una speranza per i consumatori che si sono visti recapitare maxiconguagli da migliaia di euro per le bollette della luce, legati alla sostituzione di un vecchio contatore a disco con uno nuovo elettronico. Un giudice di pace ha dato ragione infatti al Codacons di Catanzaro che si era fatto carico di rappresentare una famiglia cui l`Enel aveva spedito una bolletta piuttosto `salata`, dopo la sostituzione di un contatore. L`associazione dei consumatori, in una nota definisce la vittoria giudiziaria del Codacons “clamorosa“ e spiega che “la vicenda prende le mosse dall`inaspettato arrivo presso l`abitazione di una famiglia catanzarese, di una richiesta di pagamento, dell`importo di migliaia di euro, relativa a consumi di energia elettrica“. “Si tratta – spiega il Codacons – di un conguaglio richiesto a seguito della sostituzione dei `vecchi` contatori a disco, con i nuovi e più sofisticati strumenti elettronici. Da qui l`immediata battaglia del Codacons per ottenere il riconoscimento dei diritti della famiglia catanzarese e, conseguentemente, l`annullamento di quella odiosa maxi-bolletta“. “Il Giudice di Pace, nell`accogliere la tesi del Codacons, ha contestato la fatturazione dei consumi effettuata dal colosso energetico che – si legge nella sentenza – sebbene appaia `conforme alle previsioni contrattuali ed alla prassi adottata nel settore, in realtà non può ritenersi certa ed esente da vizi“`. Il vizio, secondo il Codacons sarebbe legato proprio alla tanto contestata sostituzione del vecchio contatore avvenuta “senza il dovuto contraddittorio con l`utente“ e senza la possibilità di accertare che “i nuovi contatori misurassero, effettivamente, `zero` al momento dell`istallazione“. “Il Giudice ha quindi concluso che la procedura attraverso la quale Enel ha determinato il consumo della famiglia catanzarese è illegittima“. “Merita censura per l`Autorità Giudiziaria – conclude la nota del Codacons – il comportamento tenuto dal colosso dell`energia che avrebbe omesso di informare l`utente circa la data di sostituzione del contatore; inoltre avrebbe dovuto redigere apposito verbale alla presenza dell`utente, al fine di garantire il contraddittorio“. Per questo il “ha escluso l`obbligo per l`utente del pagamento della maxi-bolletta, e ha condannato l`Enel al pagamento delle spese legali nella misura di oltre 1.000 euro“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this