25 Novembre 2009

ENERGIA: CODACONS AL GOVERNO, TAVOLO DI CONFRONTO SUL NUCLEARE

(AGI) – Roma, 24 nov. – Istituire un tavolo di confronto sul nucleare aperto ai cittadini, finalizzato a valutare tutti i progetti da realizzare sul territorio: questo l’invito rivolto al Governo dal presidente del Codacons, Carlo Rienzi. Invito formulato al termine del convegno internazionale sul nucleare organizzato oggi a Roma dal Codacons, al quale ha partecipato anche il Presidente del Senato, Renato Schifani. In particolare all’interno del convegno Farhang Sefidvash (Professore di Ingegneria Nucleare presso l’Universita’ di Porto Alegre) ha illustrato ai presenti due innovativi progetti di centrali di "quarta generazione", in grado di garantire elevata sicurezza, costi ridotti e produzione limitata di scorie. Nel dibattito tra politica e cittadini che si e’ acceso durante l’incontro, il Presidente Codacons, Carlo Rienzi, ha formulato una precisa proposta a Governo e Parlamento: istituire un tavolo di confronto sul nucleare aperto ai cittadini, finalizzato a valutare tutti i progetti da realizzare sul territorio, analizzare le innovazioni in materia e garantire un peso alla posizione e alla volonta’ degli utenti, anche per evitare i conflitti tra istituzioni e residenti che si verificano quando si propone di realizzare centrali nucleari nel nostro paese. Il Codacons ha annunciato infine la creazione di un Osservatorio scientifico sul nucleare, il cui scopo sara’ quello di studiare, diffondere ed appoggiare i progetti in grado di garantire sicurezza e vantaggi a cittadini ed ambiente, Nel corso dell’incontro, oltre al saluto e all’apertura del Presidente del Senato, si sono registrati gli interventi di esponenti politici favorevoli e contrari all’energia nucleare – tra gli altri quelli dei parlamentari Andrea Gibelli, Felice Belisario, Antonio Paravia ed Elio Lannutti. Fra i rappresentanti del mondo della scienza da segnalare l’intervento del fisico Gianni Mattioli che ha sottolineato l’importanza di un convegno capace di porre obiettivamente in luce prospettive e problemi dell’energia nucleare, dello sviluppo scientifico e tecnologico il tutto affrontato in una sede istituzionale, quella del Senato della Repubblica, come esempio di un nuovo corso di rapporti fra i cittadini, i loro rappresentanti e il mondo della politica. (AGI)

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this