26 Maggio 2006

ENEL: CODACONS, GIUDICE ESCLUDE OBBLIGO PAGAMENTO CONGUAGLI

ENEL: CODACONS, GIUDICE ESCLUDE OBBLIGO PAGAMENTO CONGUAGLI




RIENZI, ILLEGITTIME MODALITA` SOSTITUZIONE VECCHI CONTATORI









(ANSA) – CATANZARO, 25 MAG – Il giudice di pace di Crotone

“ha accertato che le modalità di sostituzione dei vecchi

contatori sono illegittime e, conseguentemente, che l` importo

del conguaglio richiesto dall` Enel è del tutto privo di prova,

per cui ha escluso l` obbligo per una signora di Crotone del

pagamento della maxi-bolletta“. A sostenerlo è stato il

presidente del Codacons, Carlo Rienzi.

La sentenza ottenuta ieri dall` Associazione, è scritto in

un comunicato, “costituisce una seria speranza per innumerevoli

utenti, fino ad ora costretti a pagare conguagli dell` importo

di migliaia e migliaia di euro“. La vicenda è iniziata, ha

ricordato il Codacons, quando una signora di Crotone ha ricevuto

una richiesta di pagamento di circa 2.000 euro, relativa a

consumi di energia elettrica.

Il Giudice di pace di Crotone, ha reso noto l` Associazione,

“nell` accogliere la tesi del Codacons, ha contestato la

fatturazione dei consumi effettuata dal colosso energetico che,

può leggersi nella sentenza, sebbene appaia `conforme alle

previsioni contrattuali ed alla prassi adottata nel settore, in

realta` non può ritenersi certa ed esente da vizi, dal momento

che la stessa si basa su un` irregolare lettura effettuata sulla

sostituzione del vecchio contatore, eseguita senza il dovuto

contraddittorio con l` utente. I tecnici della società

convenuta addetti alla sostituzione del contatore elettrico

avrebbero dovuto, al momento dell`istallazione del nuovo

apparecchio,- stilare apposito verbale in presenza dell`

interessato, in modo da consentire l` effettivo controllo sui

consumi registrati dal precedente contatoré“.

“Ora – ha sostenuto Rienzi – il `vizio` che inficia il

calcolo dei consumi posti a base del maxi-conguaglio trova

origine proprio nella tanto contestata sostituzione del vecchio

contatore. Infatti queste sostituzioni sono avvenute senza il

dovuto contraddittorio con l` utente; contraddittorio che

avrebbe consentito al cittadino un effettivo controllo sui

consumi registrati dal precedente contatore nonché sull`

ulteriore importante circostanza che i nuovi contatori

misurassero, effettivamente, `zero` al momento dell`

installazione. Il Giudice Ermanno Galdieri ha quindi concluso

che `in assenza di elementi certi che escludano la possibilita`

di vizi nella lettura del contatore e di successivi errori nella

fatturazione, considerata l` arbitraria modalità di

sostituzione dei contatori, lesiva dei diritti degli utenti deve

essere accolta la domandà“.

“Il giudice – ha concluso Rienzi – ha condannato l` Enel al

pagamento delle spese legali nella misura di oltre mille euro.

Siamo soddisfatti perché con questa coraggiosa decisione

trovano puntuale conferma tutte le nostre proteste avanzate nei

confronti del colosso dell` energia“. (ANSA).

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox