6 Maggio 2011

Emergenza rifiuti, Roma come Napoli a rischio l’ ad Ama

Emergenza rifiuti, Roma come Napoli a rischio l’ ad Ama
 

ROMA Prima o poi doveva accadere ed è accaduto: Roma come Napoli è ormai in piena «emergenza rifiuti». In tutto il quadrante sud-est della città, marciapiedi e carreggiate sono da giorni invasi da sacchetti d’ immondizia e i cassonetti sono stracolmi, anche quelli bianchi per la raccolta della carta. Il Codacons – che dopo un monitoraggio condotto nel marzo scorso ha dato il via alla «più colossale class action contro il degrado della città» – chiede l’ intervento dell’ esercito, «come a Napoli». L’ Idv annuncia un reportage di 5 mila fotografie per documentare la sporcizia delle strade romane, e l’ opposizione in Campidoglio chiede le dimissioni dei vertici dell’ Ama, l’ azienda municipalizzata di gestione del ciclo rifiuti. Ma per il sindaco Alemanno e la sua giunta le critiche sono «pretestuose» dopo un primo maggio di passione con un milione e mezzo di persone nelle piazze della capitale: «Certo, è possibile trovare un cassonetto che non è stato svuotato ma è una caccia al tesoro», assicura l’ assessore all’ Ambiente Marco Visconti che evidentemente non si è allontanato molto, almeno da venerdì scorso, dal centro storico e dal Vaticano. L’ allarme era scattato da tempo, fin dall’ ottobre 2010: differenziata bloccata al 18%, impianti fermi, discarica di Malagrotta satura e senza possibili alternative, contenziosi con gli operatori ecologici e pure con i gestori, che poi nella Capitale è uno solo, il monopolista Manlio Cerroni, proprietario della Colari, l’ azienda che gestisce Malagrotta e l’ impianto di preselezione di Rocca Cencia che da ieri ha chiuso i battenti per un contenzioso con l’ Ama. Mille tonnellate di rifiuti per strada che si sono accumulate da San Giovanni a Centocelle e che, secondo il capogruppo Pd in Campidoglio, Umberto Marroni, sono «la dimostrazione del fallimento della giunta Alemanno sulla gestione dei rifiuti e dell’ Ama, il cui Ad, Franco Panzironi, risulta tra gli indagati nella cosiddetta inchiesta Parentopoli» (fu lui, a detta dello stesso sindaco, a nominare l’ estremista di destra Stefano Andrini ai vertici dell’ azienda). Malgrado i poteri speciali conferiti alla presidente della Regione Renata Polverini per riuscire a scovare un sito adatto ad una nuova discarica, la missione si è rivelata più ardua del previsto anche perché sono ormai decine i comuni insorti contro l’ apertura di una megadiscarica nei pressi di Allumiere, nell’ alto Lazio. E così, dopo tanti annunci e promesse, alla fine anche la Capitale è al collasso. Contraddittorie, però, risultano le motivazioni addotte dalla giunta capitolina e dai vertici dell’ Ama: «Da venerdì scorso abbiamo ricevuto almeno tre discordanti giustificazioni e nessuna risposta scritta – commenta mentre conclude un giro di ricognizione, Gianmarco Palmieri, minisindaco del VI municipio, quartiere semiperiferico multietnico e molto sporco -: prima l’ "emergenza" beatificazione, poi gli straordinari del primo maggio, tutti eventi ben prevedibili, e infine hanno preso come scusa la chiusura dell’ impianto di Rocca Cencia della Colari». Stabilimento, chiuso in realtà solo ieri, che peraltro secondo il Noe lavora quantità di rifiuti oltre i limiti di progettazione. «Il problema è stato risolto – annuncia invece l’ Ama – entro due o tre giorni si tornerà alla normalità» grazie ad un’ ordinanza del sindaco che ha permesso l’ utilizzo sostitutivo di un altro impianto a Rocca Cencia, questa volta di proprietà della stessa azienda. «E’ una balla colossale», ribatte Marroni che chiede un immediato consiglio comunale straordinario. Non c’ è alcun impianto funzionante e le cose peggioreranno dopo il 10 di maggio, data in cui le discariche del Lazio hanno annunciato una serrata di protesta».
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox