10 Maggio 2002

ELETTROSMOG: COMITATO CESANO E CODACONS CONTRO RADIO VATICANA

Di nuovo in primo piano la questione elettrosmog nelle zone limitrofe agli impianti di trasmissione di Radio Vaticana, nell`area di Cesano, Olgiata e Ostewria Nuova. Lo spunto per il Comitato “Bambini senza onde“ e per il Codacons e` dato dagli esiti dell`ultima perizia scientifica, secondo cui – come sostiene in un comunicato il Codacons – viene evidenziata “l`esistenza del nesso di causalita` tra le morti e l`esposizione“ alle onde elettromagnetiche derivanti dagli impianti di trasmissione dell`emittente della Santa Sede. Una perizia – aggiunge il Coordinamento delle associazioni di tutela dei consumatori – che contraddice gli esiti avuti da precedenti rilevazioni condotte da consulenti per conto del ministero della Sanita`.
Il Comitato Cesano denuncia inoltre “la negazione del diritto alla salute“, che tuttora “grava la mancata soluzione del problema“ e che le famiglie della zona Roma Nord “sono ancora piu` diffidenti nei confronti delle rassicurazioni fornite da coloro che avrebbero la funzione di garantire la sicurezza, messa a repentaglio da una esposizione involontaria ed inevitabile per 24 ore al giorno. Lo stesso Comitato parla di “tentativo da parte dei responsabili della Sanita` di demolire le certezze“. Lo stesso Comitato e il Codacons richiamano poi ancora una volta polemicamente la sentenza con cui il giudice unico Calabria accolse il ricorso per difetto di giurisdizione (gli impianti sono localizzati su area extraterritoriale, ndr) presentato dalla difesa di Radio Vaticana, dichiarando l`incompetenza del Tribunale di Roma a pronunciarsi sul caso specifico.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox