6 Maggio 2020

Effetto virus sulla spesa dei romani Boom dei prezzi di frutta e verdura

analisi del codacons sui dati del centro agroalimentare: cresce fino al 100% il costo dei principali prodotti ortofrutticoli: ” colpa del calo dell’ offerta, tra chiusura di alcuni mercati internazionali e aumento della domanda”
di Daniele Autieri Sopravvivere non è mai stato così caro. Broccoli su del 100%, carote schizzate del 75%, cavoli dell’ 80%, peperoni del 57%. Nel paniere dei beni essenziali, quelli di prima necessità, i prezzi dei principali generi alimentari sono aumentati in modo significativo, in alcuni casi perfino raddoppiati. È questa la verità che emerge da un’ analisi realizzata per Repubblica dal Codacons sui dati del Car, il Centro agroalimentare di Roma, nodo di smistamento all’ ingrosso delle primizie della terra che finiscono sui banchi dei mercati della capitale e di mezza Italia. Analizzando l’ evoluzione dei prezzi tra il 1° marzo, pochi giorni prima del lockdown nazionale, e il 23 aprile, si scopre che oltre a broccoli, carote, cavoli e peperoni, tutti i principali prodotti ortofrutticoli hanno messo a segno un aumento dei prezzi. Le arance, cresciute sul listino del 38,9%, i limoni del 20%, le banane del 37,5%, le mele del 20% e perfino le cipolle bianche del 47,3%. Secondo Fabio Massimo Pallottini, direttore generale del Car, la corsa dei prezzi (se c’ è stata) è dovuta alla più classica delle regole del mercato: l’ offerta diminuisce, la domanda aumenta, i prezzi salgono. «Negli ultimi due mesi – spiega – è indubbio che il costo all’ ingrosso di alcuni prodotti abbia subito diverse oscillazioni. Ma questo è dovuto all’ aumento della domanda su prodotti più facilmente conservabili, come le patate, oppure alla richiesta di prodotti arrivati a fine stagione, penso alle arance o ai broccoli». In sostanza, chi ha riempito la dispensa si è reso in qualche modo complice di un aumento generalizzato dei prezzi che, però, non ha riguardato tutti i prodotti. «I beni più richiesti dalla ristorazione – prosegue Pallottini – penso alle fragole, hanno invece registrato un calo dei prezzi, proprio per la venuta meno della domanda da parte di bar e ristoranti » . A questo si è aggiunta la chiusura di alcuni mercati, come quello spagnolo, che ha ridotto la concorrenza tra la platea dei produttori e dei venditori, contraendo ulteriormente l’ offerta. Questo corto circuito consumato nel mercato dell’ ingrosso ha avuto un effetto a cascata sulle vendite al dettaglio dove – in molti casi – a rincaro si è aggiunto altro rincaro. Le carote, che il primo marzo venivano vendute al Car a 40 centesimi al kg, sono state quotate 70 centesimi il 23 aprile scorso all’ ingrosso per toccare 1,35 euro al dettaglio. Un discorso simile vale per i broccoli, passati all’ ingrosso da 1,10 a 2,20 euro e balzati al dettaglio a 4,5 euro al kg, mentre per acquistare un solo carciofo sul banco di un mercato oggi ci vuole in media 1 euro, contro i 30 centesimi dell’ ingrosso, valore gonfiato del 50% rispetto ai primi giorni di marzo. «Già nelle settimane scorse – spiega Carlo Rienzi, presidente del Codacons – avevamo lanciato l’ allarme rincari per i generi di prima necessità. Purtroppo i numeri ci danno ragione confermando i nostri timori. Anche l’ Istat ha registrato ad aprile un fortissimo incremento del comparto alimentare, mentre i listini all’ ingrosso dell’ ortofrutta ci dicono che i consumatori, quando fanno la spesa, devono affrontare sensibili rincari dei prezzi. Per tale motivo riteniamo indispensabile che Nas e Guardia di Finanza eseguano controlli presso tutta la filiera, per verificare dove si annidino speculazioni a danno degli utenti, e sanzionare i responsabili ». Che siano naturali oscillazioni del mercato o speculazioni anomale, la verità è che nei mesi della quarantena il frigorifero è stata la prima voce di spesa per i cittadini romani. Una tradizione antica divenuta improvvisamente un lusso. © RIPRODUZIONE RISERVATA Rincari significativi per broccoli, carote cavoli e cipolle. Giù le fragole grazie allo stop di bar e trattorie.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox