fbpx
8 Aprile 2002

EDIZIONE SPECIALE BOLLETTINO TV

    BOLLETTINO SULLA QUALITA? DEI PROGRAMMI TV: EDIZIONE SPECIALE ? 8 APRILE 2002 STASERA PAGO IO: 10 DAI CRITICI, 4 DAI TELESPETTATORI!!

    L?ALTRA FACCIA DELLA VERITA?: MEZZO FLOP DI FIORELLO CHE RACCOGLIE 4 MLN DI TELESPETTATORI IN MENO DI PANARIELLO
    IL CODACONS CHIEDE CHIAREZZA SUI SONDAGGI DI SANTORO
    PIOGGIA DI CRITICHE ANCHE SU DORELLI E SU SCHERZI A PARTE












    Numerosissime le telefonate e le e-mail sabato sera, domenica e oggi alla segreteria telefonica del Codacons – Osservatorio per la qualità dei programmi tv. Per lo più gli ascoltatori hanno lamentato la noia del programma di Fiorello e la esagerata montatura di osanna di contorno, a partire dalla scritta gigante che – loro ci scherzavano – ma sarà costata davvero troppo ( ma la Rai non era a corto di soldi???), al pompaggio del povero Baudo, venuto in soccorso al comico (???) , se si può definire tale. In realtà moltissimi hanno lamentato di non aver capito se si trattava di una trasmissione di un comico o una di cantanti visti, stravisti e più che mai stancanti. L?unico monologo veramente efficace e degno di questo nome c?è stato nell?ultima parte della trasmissione ( e per un programma che dura oltre 2 ore appare del tutto insufficiente!), sicchè Fiorello si è trasformato in un presentatore di ospiti, vecchi e usati in tutte le salse, con l`aggiunta di qualche, rara, imitazione divertente. Sarà pure che le spese si debbono contenere, ma allora non sarebbe meglio trasmettere un bel film giallo come Rai2?
    Sul piano comico molto meglio, sostengono i telespettatori che si sono rivolti al Codacons, programmi di varietà satirico come Zelig o Convescion che, pur disponendo di mezzi economici e strutture palesemente inferiori rispetto a quelle di Fiorello, riescono a tirar fuori esilaranti momenti di divertimento!

    Insomma, Fiorello ha ricevuto un 10 dai critici del settore, che lo hanno elevato, forse con eccessiva precipitazione, ma dai telespettatori riceve un inesorabile 4! E a dimostrarlo sono anche i dati d?ascolto. Altro che trionfo?Fiorello, col suo ?Stasera pago io?, raccoglie a malapena 8 milioni di telespettatori, ben 4 milioni in meno rispetto al sabato sera di Panariello. E nessuno venga a dire che ?Torno sabato? poteva contare sull?apporto della Lotteria Italia, poiché, come si è potuto constatare, la vendita di biglietti è andata più che mai male e l?estrazione dei biglietti vincenti non ha riscosso l?interesse sperato.



    E? si vero che Raiuno ha vinto di misura nei confronti della concorrente Canale 5, ma è altrettanto vero che l?alternativa a Fiorello, ossia la ?Corrida?, è decisamente debole, basta sul nulla e assomiglia molto a una minestra riscaldata ( e qui la scomparsa di Corrado si fa sentire!).
    Insomma, come ha dichiarato il Presidente Rai Baldassarre, occorre migliorare la qualità e l?intelligenza dei programmi, ma l?agognata meta sembra purtroppo ancora lontana…



    Ma le critiche dei telespettatori non risparmiano neanche chi ancora deve iniziare, ossia Jhonny Dorelli. Il gioco del tira e molla con la programmazione Rai, che per due volte rimanda la partenza di ?Sette in condotta? per motivi incomprensibili, suona molto come astuta mossa pubblicitaria per far aumentare l?attenzione sul programma, nel tentativo disperato di battere la concorrenza di Striscia la Notizia. A questo punto la Rai può benissimo evitare di appioppare a tutti i costi Dorelli ai telespettatori, (con l?ennesimo programma basato sui bambini), che fanno volentieri a meno dell?attore tirato fuori in extremis dal dimenticatoio.



    Il CODACONS attacca anche Rai2, in particolare l?ultima puntata di Sciuscià, dove si è verificato un episodio a dir poco ambiguo. Nel leggere i risultati di un sondaggio, la bella giornalista che affianca Santoro, si è resa conto che i dati erano, a suo avviso, sbagliati, e li ha corretti mentre sullo schermo venivano invertiti i numeri del sondaggio, in diretta, nell?imbarazzo evidente del conduttore. Ma cosa diceva mai questo sondaggio? Ebbene, affermava che la maggioranza del campione selezionato non era favorevole alle tesi sostenute in trasmissione. Ma come faceva la giornalista a sapere che i cittadini si erano espressi in maniera opposta rispetto ai risultati visualizzati e che si era verificato un errore tecnico? Dubbi che vanno chiariti. Così il Codacons presenterà nei prossimi giorni un?istanza d?accesso a Rai2 e all?Abacus (società che ha effettuato il sondaggio), chiedendo di visionare i protocolli di effettuazione dei sondaggi di Sciuscià, i criteri di selezione del campione, i tempi di realizzazione, ecc. L?unica certezza è che una domanda, posta come quella del sondaggio di Santoro, risulta effettivamente condizionata e la risposta sarà sempre a senso unico, un po? come chiedere ad un maschietto se gli piacciono le femminucce?



    L?ultimo attacco dei telespettatori è diretto a Canale 5, nello specifico contro Scherzi a Parte. L?Osservatorio per la qualità dei programmi tv del Codacons, infatti, a seguito del servizio di Striscia la notizia che ha rivelato come uno scherzo ? quello alla Arcuri ? fosse, per così dire, ?sospetto?, ha raccolto le proteste di molti utenti, che si sono sentiti presi in giro, credendo nella veridicità degli scherzi fatti ai vip?Il programma, in un certo senso, ha carpito la fiducia dei telespettatori, che non perdoneranno certo questo ?sgarro?alla trasmissione.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox