12 Dicembre 2018

ECOTASSA AUTO: FCA, NUOVE NORME ALTERANO PIANO ITALIA

     

    CODACONS: TASSA AUTO DANNEGGIA CITTADINI PIU’ DEI PRODUTTORI DI AUTO. SERVE INCENTIVARE MOBILITA’ ELETTRICA SENZA STANGARE AUTOMOBILISTI O SARA’ RICORSO CONTRO ECOTASSA

    Sull’ecotassa produttori e consumatori sono dalla stessa parte della barricata, ma per ragioni del tutto diverse. Lo afferma il Codacons, commentando la posizione di Fca sugli interventi relativi al mercato dell’auto in discussione all’interno della Legge di bilancio.
    “Non accetteremo alcuna tassa sulle auto benzina e diesel, che di fatto introdurrebbe una ingiustificata stangata a danno degli automobilisti – spiega il presidente Carlo Rienzi – L’ecotassa del M5S, inoltre, arrecherebbe danni più ai consumatori che all’industria automobilistica, e non produrrebbe vantaggi sul fronte ambientale. La mobilità elettrica va sostenuta in modo efficace senza introdurre odiose tasse a discapito delle famiglie, ma mettendo a disposizione degli automobilisti incentivi adeguati per il passaggio alle auto ibride”.
    “Pertanto siamo pronti ad avviare una battaglia legale contro qualsiasi prelievo forzoso il Governo dovesse varare sull’acquisto di automobili, non nell’interesse di Fca o dei produttori ma per difendere le tasche degli italiani” – aggiunge Rienzi.
    Intanto in materia di ecotassa parte un primo ricorso contro il Mise con contestuale richiesta risarcitoria, per aver il Ministro Di Maio escluso il Codacons dal tavolo di confronto avviato ieri al Ministero.
    “Evidentemente Di Maio ha preferito escludere dal confronto quelle associazioni che hanno espresso contrarietà alla tassa, comportamento coerente con la sua opposizione all’emendamento che esonera le onlus dal contributo unificato e che non porta alcun valore aggiunto al Governo, creando solo confusione e tensione tra consumatori e istituzioni” – conclude Rienzi.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox