30 Novembre 2011

Economia: Le famiglie tagliano un mese di spesa  

Economia: Le famiglie tagliano un mese di spesa
 

Rinunciare ad un mese di spesa. In sintesi è questo il prezzo che pagano le famiglie a reddito fisso a causa dei salari in stallo e dei prezzi al consumo in continua crescita.
Il calo del potere d’acquisto infatti, si traduce per i nuclei familiari in una diminuzione della propria capacità di spesa che oscilla tra i 300ed i 400 euro, a seconda del reddito. La stima arriva da Federconsumatori e Adusbef che sottolineano come questa perdita corrisponda, in concreto, «a circa un mese di spesa alimentare di una famiglia (calcolata in base ai dati Istat)».
Un’altra conseguenza del difficile momento che il Paese si trova ad affrontare. «La crisi e le manovre economiche hanno colpito duramente le famiglie a reddito fisso determinando ripercussioni gravissime sul loro potere di acquisto, del -3,8/-3,9% secondo le stime dell’Osservatorio Nazionale Federconsumatori », osservano le due associazioni, aggiungendo che «questa drammatica situazione emerge anche dai dati diffusi ieri dall’Istat» (il divario salari-prezzi è salito a ottobre all’1,7 punti percentuali).
L’Osservatorio ha calcolato le ricadute per una famigliamedia (di 2,5 componenti) monoreddito: nel caso il reddito percepito sia di 1.500 euro al mese la diminuzione del potere di acquisto è pari a 312 euro l’anno; nel caso il reddito percepito sia di 2.000 euro al mese la diminuzione del potere di acquisto è invece pari a 408 euro l’anno.
«È come se, a causa della caduta verticale del potere di acquisto, ogni famiglia a reddito fisso avesse dovuto rinunciare complessivamente a un mese di spesa alimentare», sottolineano i presidenti delle due associazioni, Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti.
«Una situazione allarmante, che avrà gravi conseguenze non solo per le famiglie stesse,maanche per l’intera economia – concludono – Si rendono quanto mai urgenti, quindi, misure tese a rilanciare la domanda di mercato e non a deprimerla, come fatto finora conaumentodell’Iva». E se, qualche giorno fa, Confartigianato aveva già annunciato che le tredicesime degli italiani saranno mangiate dal caro bollette, ora anche Codacons e Altroconsumo fanno previsioni fosche sul Natale.
Carlo Rienzi, presidente del Codacons parla di «Natale magro ». I settori più a rischio, quelli che i consumatori decideranno di tagliare negli acquisti delle festività, sono «il comparto abbigliamento e calzature, quello dei viaggi, il settore profumeria ed estetica, in calo anche le spese per libri, cd e ristoranti ». Altroconsumo poi rivela che un secondo un sondaggio di Prestiti.it un italiano su tre chiederà un prestito per far fronte alle spese natalizie.
Il 61% degli intervistati chiederà un finanziamento per comprare i regali, il 30% per la settimanabianca, il9%per il cenone di Capodanno. La cifra richiesta (dal54%, soprattutto uomini) è superiore a 2mila euro, e a guidare la classifica delle regioni c’è il sud con la Campania, seguitada Calabria e Sicilia.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox