8 Luglio 2010

Ecomostri, Codacons soddisfatto

Il Codacons in prima linea nella battaglia per gli abbattimenti degli ecomostri di Montecorice. «I proprietari dei "preziosi" ecomostri hanno trascorso decenni tra carte bollate, ricorsi e improbabili istanze di condono dirette a mettere un freno alla procedura di demolizione di strutture innalzate in zona inedificabile. Vicissitudini giudiziarie che hanno visto capitolare la proprietá in sede penale e amministrativa» ricordano Raffaella D’ Angelo e Pierluigi Morena dell’ Ufficio legale del Codacons di Salerno. «Gli ordini di demolizione, tuttavia, rimanevano inspiegabilmente chiusi nei cassetti per oltre venti anni – spiegano D’ Angelo e Morena – Fino a quando il Codacons pochi anni fa decideva di intervenire in nome di una legalitá ferita dagli espedienti e dalle negligenze burocratiche. Alle diffide al Comune facevano seguito ripetuti solleciti al Prefetto affinchè esercitasse i poteri di controllo che la legge gli attribuisce sulle amministrazioni locali e in materia di abbattimenti di opere abusive». • «Il Tar, al termine di un giudizio che ha visto intervenire lo stesso Codacons, ha rigettato i ricorsi del proprietario dei manufatti che insisteva per l’ annullamento dell’ Ordinanza di abbattimento e per la validitá delle istanze di condono. Per una volta una chiara affermazione della legalitá» concludono.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this