fbpx
5 Settembre 2001

«Dopo il Lipobay in vendita un altro farmaco pericoloso»

L?UOMO ERA IN CURA CON IL TORVAST, MEDICINALE DELLA PFIZER. L?AZIENDA REPLICA: AVEVA ALTRI DISTURBI


«Dopo il Lipobay in vendita un altro farmaco pericoloso»

COLONIA, INCHIESTA SUI DIRIGENTI BAYER

ROMA Prima la Bayer, ora è la Pfizer, la casa farmaceutica del Viagra ad essere sotto accusa per le statine.
Il CODACONS ha denunciato alla procura di Torino e di Roma il foglietto illustrativo del Torvast, una statina prodotta dalla Pfizer che non segnala, spiega la stessa associazione, di usare cautele in caso di insufficienza renale. Il CODACONS chiede che il farmaco venga bloccato e segnala a Roma il primo caso di rabdomiolisi causata dall`assunzione di questo medicinale. Si tratta di un uomo di 38 anni, Giancarlo Iocca, ricoverato in un ospedale romano che ha presentato denuncia assieme al CODACONS. L`uomo, sottoposto a dialisi, dopo alcuni mesi di Torvastatina ha cominciato a soffrire di stanchezza dei muscoli, cedimento del collo ed è stato costretto alla sedia a rotelle. «Ora la magistratura – ha spiegato Carlo Rienzi, leader dell`associazione – dovrà accertare se effettivamente i problemi dell`uomo sono causati, o comunque aggravati, dalla medicina e per quale ragione nel foglietto illustrativo del farmaco non sono evidenziati i rischi connessi all`assunzione in caso di grave insufficienza renale, nonostante i testi medici internazionali segnalano chiaramente e ripetutamente questo rischio». Il caso di Iocca sarebbe il terzo a Roma di pazienti con gravi conseguenza per l`uso di statine. Pfizer rigetta con forza l`accusa del CODACONS: «Il foglietto illustrativo e la scheda di atorvastatina attualmente in vigore – afferma l`azienda – non contengono controindicazioni o avvertenze per i pazienti con insufficienza renale perché il rene non è coinvolto nel metabolismo del farmaco, che è eliminato dall`organismo attraverso il fegato». Gli studi disponibili già in fase di registrazione del prodotto, aggiunge l`azienda, «stabilivano la sicurezza e l`efficacia di atorvastatina, evidenza peraltro confermata da studi internazionali attualmente in corso». Riguardo al caso specifico, l`analisi dei dati dell`esposto del CODACONS, conclude la Pfizer, «indica chiaramente un paziente con quadro clinico di miopatia preesistente all`assunzione del farmaco in presenza di insufficienza renale». Pfizer condanna «le informazioni superficiali e incomplete che creano allarme tra i cittadini in relazione a farmaci importanti come le statine, e conferma il profilo di tollerabilità di atorvastatina correttamente usata. Torvast attualmente viene utilizzato da 20 milioni di pazienti in tutto il mondo». Anche i medici raccomandano di non abbandonare le terapie a base di statine. Almeno 25.000 infarti, avvertono, potrebbero verificarsi nei prossimi anni se la situazione, dopo l`allarme Lipobay e il comportamento confuso dei pazienti, non tornerà sotto controllo. «Le statine – spiegano gli esperti – sono una classe di farmaci in grado di ridurre in modo marcato i livelli plasmatici del colesterolo totale e LDL, e rappresentano uno strumento di documentata efficacia nella prevenzione delle complicanze cliniche della malattia aterosclerotica quali l`infarto e la morte coronarica». Per questo, concludono gli esperti, «è ragionevole ipotizzare, in base a questi dati, che il trattamento dei circa 750.000 pazienti attualmente in terapia con questi farmaci nel nostro Paese, se condotto correttamente e prolungato per 5 anni, eviterà circa 25.000 infarti, di cui circa 10.000 fatali e 15.000 non fatali». [r. cri.] COLONIA. La procura di Colonia ha aperto un?inchiesta per stabilire se la Bayer ha tempestivamente ritirato dal mercato il Lipobay una volta che erano noti gli effetti collaterali che poteva provocare. A confermarlo è il capo della procura, Juergen Kapischke: ha dichiarato che contro i dirigenti Bayer sono state presentate denunce da parte di 4 uomini. Due di essi non hanno avuto nulla a che fare col medicinale, gli altri due lo hanno preso ma non hanno subito conseguenze fisiche. Secondo gli autori delle denunce la Bayer non ha ritirato con la dovuta rapidità il farmaco dal mercato. Kapischke non ha escluso che all?accusa di ritardi da parte della Bayer si possano aggiungere altre ipotesi di reato, come lesioni colpose od omicidio colposo. I dirigenti Bayer rischiano fino a un anno di reclusione. Per il procuratore non esiste però motivo per procedere ad autopsie di pazienti morti.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox