17 Luglio 2012

Domestica aggredita da 2 rottweiler in una villa

Domestica aggredita da 2 rottweiler in una villa

ROMA Azzannata e trascinata da due cani come una preda inerme da uccidere. Una domestica di 74 anni è in gravissime condizioni dopo essere stata aggredita e sfigurata da due rottweiler di 60 chili l’ uno. I due animali hanno allentato la morsa solo dopo l’ intervento dei carabinieri, che li hanno neutralizzati abbattendone uno e ferendo l’ altro. Choc e polemiche Ora il Codacons e il Campidoglio chiedono a gran voce di riprisinare l’ introduzione di un patentino, ovvero un diploma da rilasciare a coloro che frequentano un corso di buona gestione dei cani potenzialmente pericolosi per prevenire altre aggressioni. Ma per l’ Enpa «Il ritorno alla black list delle razze di cani pericolose è un’ ipotesi assolutamente da scartare». Sono ore di choc e polemiche a Roma dopo la vicenda dell’ anziana colf vittima della ferocia dei rottweiller nella villa di un commerciante, in via della Giustiniana. La donna era andata al lavoro come tutte le mattine. Ma stavolta dopo aver varcato i cancelli della villa, da giorni vuota perché i proprietari erano in vacanza, ha visto i cani scagliarsi contro di lei come due belve. L’ allarme dai vicini È stata trascinata per alcuni metri, morsa in testa, al volto, ora sfigurato, al tronco, alle gambe e alle braccia. Il lungo intervento chirurgico al quale è stata sottoposta in serata era ancora in corso. La villa, con il cancello chiuso, era diventata per lei una gabbia di mostri inferociti, ma i vicini hanno sentito le urla e chiamato i carabinieri. Quando i militari sono giunti sul posto i cani si stavano ancora accanendo sulla vittima. Non potevano sparare per non rischiare di colpire la donna. Allora hanno cercato di attirare i cani avvicinandosi. Solo allora i rottweiler hanno mollato la presa, pronti ad attaccare nuovi bersagli. Ma stavolta le loro nuove prede si sono difese con i proiettili: un cane è morto mentre l’ altro è rimasto ferito gravemente e trasportato alla Asl. «I cani la conoscevano» Il proprietario dei cani ha spiegato: «È un’ amica di famiglia, lavora qui da anni. I cani la conoscevano e qualche volta anche lei ha dato loro da mangiare». Pochi giorni fa un’ altra aggressione vicino Roma, dove in strada una donna era stata aggredita da un pitbull, che ha anche ucciso il suo cagnolino. © riproduzione riservata.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox