12 Giugno 2009

Domenica in tv: su Raiuno solo Giletti e Baudo, su Raidue la Ventura perde il regista

 Manca poco alla chiusura dei palinsesti Rai e Mediaset ed è ormai delineato il palinsesto domenicale della prossima stagione. Un tempo la domenica pomeriggio era considerato uno dei fiori all’occhiello delle Reti generaliste ma la concorrenza del calcio in pay tv e l’esigenza di contenere i costi hanno fortemente indebolito questo segmento temporale. La riprova arriva dalla decisione di Raiuno di ridurre Domenica In. Alle 14 ci sarà Massimo Giletti con L’Arena, poi molta ed economica fiction in replica, quindi Pippo Baudo a ridosso del Tg1 delle 20. I due conduttori sopravvissuti hanno già incontrato il nuovo direttore di Raiuno, Mauro Mazza, il quale ha spiegato loro la sua intenzione di ridurre gli investimenti sul pomeriggio domenicale. Giletti commenta così la decisione a La Stampa: "Penso che nei momenti di crisi si debbano fare delle scelte e che nello specifico queste volino ben più in alto di me e di Pippo. Mi dispiace per le serie professioniste non riconfermate ma sono certo che troveranno nuova collocazione. La tivù è cambiata, segue regole precise. A salvarmi il posto è stato il serio lavoro fatto che ha portato a una media d’ascolti che si è attestata sui 4 milioni di telespettatori con uno share del 23% e picchi di oltre 6 milioni di telespettatori con il 34% di share. Oltretutto confrontandomi con la forte concorrenza di Sky e del calcio. Significa che il sovraffollamento non paga e neppure il frazionamento degli argomenti senza un filo conduttore a legarli".  Il Codacons e l’ Associazione Utenti dei Servizi Radiotelevisivi reagiscono così: "Approviamo in pieno la decisione di contenere i costi ed eliminare alcune rubriche del contenitore domenicale, che non raccoglievano molto gradimento da parte dei telespettatori. In particolare ci sembra una decisione saggia l’eliminazione dello spazio affidato a Monica Setta, caratterizzato da dibattiti sociali ‘all’acqua di rose’ e poco incisivi. Tuttavia la Rai, sempre sul fronte domenicale, farebbe bene a ridimensionare anche Quelli che il calcio…, in onda su Rai2, riducendo i costi relativi ad un programma che non è nè sport, nè intrattenimento, ossia nè carne nè pesce, e non fa ascolti record". E, invece, il contenitore tornerà sempre affidato a Simona Ventura ma con molte defezioni: non ci sarà più lo storico regista (presente dal debutto del programma nel 1993) Paolo Beldì, che ad Affaritaliani.it ha detto: "E’ vero, nei giorni scorsi mi è arrivata questa notizia. Lascio. Non posso dire altro, se non che tengo molto alla Rai e che il mio obiettivo è continuare a lavorare ancora a lungo in quest’azienda". Al suo posto arriva Celeste Laudisio, già capo-progetto de L’isola dei famosi. E, secondo Paolo Martini de La Stampa, all’ultima riunione con gli autori, alla quale era presente anche un nome affermato come Fabio Di Iorio, la conduttrice avrebbe congedato bruscamente l’intera equipe: "Dall’anno prossimo tutti a casa, si cambia squadra e il nuovo capo progetto sono io". Con lei non ci saranno più Nicola Savino, passato a Mediaset per Colorado e (forse) anche Max Giusti, destinato al raddoppio dei suoi impegni su Raiuno, con Affari tuoi nell’access prime time e Affari tuoi Speciale per due il sabato abbinato alla Lotteria Italia. Sul versante Mediaset l’ipotesi allo studio, annunciata ufficialmente questa settimana, riguarda da settembre un nuovo programma, Domenica Cinque, con Barbara D’Urso al debutto domenicale, anche se per ora la trasmissione su Canale 5 è tutta da costruire.

 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox