19 Marzo 2021

DL SOSTEGNI, STOP LICENZIAMENTI FINO A GIUGNO, CODACONS: LICENZIAMENTI VANNO BLOCCATI PER TUTTO IL 2021

    NELLA SECONDA META’ DELL’ANNO SI RISCHIA EMORRAGIA DI POSTI DI LAVORO. OCCUPAZIONE E REDDITI A RISCHIO

    SOSTEGNI PER WEDDING E MONTAGNA SONO GOCCIA NEL MARE, SETTORI HANNO PERSO 35 E 10 MILIARDI DI EURO

    Se sarà confermato lo stop dei licenziamenti solo fino a giugno, nella seconda metà del 2021 si registrerà una emorragia di posti di lavoro, con gravi ripercussioni per occupazione e redditi. Lo afferma il Codacons, bocciando la misura prevista nella bozza del Dl Sostegni.
    “E’ evidente che l’emergenza Covid non sarà superata a giugno, e farà sentire i suoi effetti almeno per tutto il 2021 – spiega il presidente Carlo Rienzi – Per questo riteniamo assolutamente insufficiente bloccare i licenziamenti solo fino al mese di giugno, e il blocco deve valere almeno per tutto il 2021”.
    “Il rischio concreto è che nella seconda metà dell’anno si registri una emorragia di posti di lavoro, che avrebbe conseguenze fortissime non solo sull’occupazione ma anche sui redditi delle famiglie, provocando un ulteriore impoverimento dei cittadini” – aggiunge Rienzi.
    Il Codacons ritiene poi insufficienti i fondi stanziati per il settore del wedding e per quello della montagna, rispettivamente 200 milioni e 700 milioni di euro, ricordando come il comparto dei matrimoni abbia subito nel 2020 perdite per 35 miliardi di euro, mentre il turismo invernale ha registrato un tracollo che sfiora i 10 miliardi di euro.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox