3 Agosto 2022

Dl AIUTI BIS: 900 MLN PER SCONTO BENZINA FINO A 20/9. CODACONS: NON BASTA, OCCORRE INTERVENIRE ALLA FONTE SU DEFINIZIONE PREZZI CARBURANTI

    GASOLIO COSTA ANCORA IL 22,6% IN PIU’ RISPETTO ALLO SCORSO ANNO. PER PIENO +17 EURO

    La proroga del taglio delle accise sulla benzina fino al 20 settembre previsto dal Decreto aiuti bis, che mette sul piatto 900 milioni di euro per finanziare la misura, non risolve per il Codacons l’emergenza prezzi in Italia e non affronta in modo adeguato il problema carburanti.
    “Di fronte alla crescita senza freni dei listini alla pompa registrata nell’ultimo anno, limitarsi a prorogare lo sconto sulle accise non può più bastare – spiega il presidente Carlo Rienzi – Nonostante la riduzione delle accise già in vigore da marzo, oggi un litro di benzina costa il 13,4% in più rispetto allo stesso periodo del 2021, mentre il diesel è rincarato del 22,6% su base annua. Una escalation che si ripercuote non solo sulle spesa per il pieno, ma anche sui prezzi al dettaglio di una moltitudine di prodotti gettando, è il caso di dirlo, benzina sul fuoco dell’inflazione”.
    “Ci aspettiamo dal Governo un intervento più incisivo e direttamente alla fonte sulla definizione dei prezzi dei carburanti, caratterizzati da speculazioni evidenti e da listini schizofrenici che non seguono l’andamento del petrolio” – conclude Rienzi.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox