16 Gennaio 2018

Diversamente belli, anzi bellissimi La provocazione in un calendario

Donne e uomini, diversamente abili, in pose volutamente provocatorie. È quello che raffigurano i 12 scatti del calendario Codacons 2018 a firma di Tiziana Luxardo. Il titolo scelto è emblematico: “Il riscatto di Afrodite”. L’ obiettivo delle fotografie è infatti quello di mostrare la sfera della sessualità nella disabilità, partendo da un dato: nell’ opinione comune le persone con handicap sono spesso considerate a -sessuate. Per questo motivo nasce il calendario presentato ieri mattina a Lecce nell’ ambito dell’ iniziativa nazionale, frutto della collaborazione tra il Disability Pride Italia, il Comitato di Assistenza Sessuale ed Emotiva ai Disabili e il Comitato per i Diritti Civili delle Prostitute. Alla presentazione hanno preso parte Giancarlo Za, direttore del Dipartimento di Medicina Fisica e Riabilitazione dell’ ASL di Lecce; Antonio Antona ci, direttore della Struttura Sovradistrettuale della Riabilitazione dell’ Asl di Lecce; Eliana Francot, delegata del Rettore dell’ Università del Salento per la disabilità e Paola Martino, capo ufficio Integrazione Disabili dell’ Università del Salento. Hanno offerto il loro contributo anche alcuni studenti universitari disabili che collaborano attivamente al progetto “Abbattitabù. Sesso, amore e disabilità”, avviato lo scorso anno dall’ Università del Salento e dalla Struttura Sovradistrettuale di Riabilitazione della ASL Lecce (Servizio di Consulenza Sessuologica alle persone disabili). L’ unione tra la missione sociale del Codacons e il talento artistico di Tiziana Luxardo, nota fotografa romana esperta in ritrattistica figurativa, va avanti da diversi anni e ha dato origine a calendari di notevole impatto artistico e sociale. Basti pensare al Calendario 2017 dal titolo “Bulli e pupe” di denuncia al bullismo e il Calendario 2016 dal titolo “Siamo uomini… o caporali?”, sul fenomeno del caporalato. Il “riscatto di Afrodite” mira a sensibilizzare il pubblico sul diritto al benessere psicofisico dei diversamente abili, inclusa una vita sessuale appagante. Nel tentativo di abbattere pregiudizi e tabù, a posare in alcuni scat ti, volutamente espliciti ma mai volgari, sono stati anche due sex worker. Si tratta dei cosiddetti “assistenti sessuali”, figure che garantiscono un supporto fisico e morale a tutti coloro che hanno difficoltà a soddisfare le proprie esigenze sessuali. «Questo calendario non vuole parlare di disabilità – ha spiegato Cristian Marchello, responsabile del Codacons Lecce – non ci piace questa espressione perché evidenzia una differenza che invece non dovrebbe essere percepita come tale. Nella realtà siamo tutti uguali, gli ostacoli o le diversità sono costruzioni logiche della nostra mente. Ogni individuo, anche diversamente abile, è un lavoratore al pari degli altri, ama al pari degli altri, vive al pari degli altri. Per questo auspichiamo che il disegno di Legge fermo in Senato possa essere sbloccato: l’ introduzione della figura dell’ assistente sessuale sarebbe una conquista per l’ umanità intera, non solo per chi ne ha bisogno».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox