19 Maggio 2018

Dimenticata in auto, muore a un anno

la piccola lasciata 8 ore nella vettura parcheggiata dal padre vicino al luogo di lavoro
Andrea Cuomo Un black out di alcune ore, un abisso lungo una vita. È accaduto di nuovo, ieri, vicino a Pisa: un papà dimentica la figlia di appena un anno sul seggiolino della sua automobile e la piccola muore. Come accaduto altre volte, e ogni volta tutti quanti noi con le nostre vite perfette e senza amnesie a porci le stesse domande: come è stato possibile? Come può un lapsus tanto piccolo fare danni tanto grandi? E come fare perché che non accada mai più? Teatro della tragedia il piccolo paese di San Piero a Grado, nel pisano. Alle 16 di ieri qualcuno si è accorto che in quella Peugeot parcheggiata lungo una strada che costeggia una zona alberata c’ era una bambina su un seggiolino posto nel sedile posteriore della vettura. A lasciarla lì, dimenticandosela per ore, era stato il papà, che lavora nello stabilimento industriale Continental, poco distante, e aveva posteggiato l’ auto di primo mattino. È un ingegnere che è stato anche segretario di un locale circolo del Pd. La piccola, trovata già morta dal personale del 118, è stata uccisa con ogni probabilità dalle alte temperature provocate nell’ abitacolo dal sole battente della giornata. Episodi drammatici, che la scienza spiega parlando di amnesie dissociative e raccontando le cause che possono provocare un simile buco nella memoria, principalmente lo stress. E che gli uomini invece semplicemente trovano inconcepibili, condannando chi ne è vittima a una vita di rimorsi. Negli ultimi dieci anni in Italia si contano almeno altri sette casi simili, tutti mortali. Il primo risale al magio 2008, quando a Merate (Lecco), una mamma «salta» il passaggio dalla baby sitter e va direttamente nella scuola dove insegna. La piccola si addormenta e resta in auto dove viene trovata morta qualche ora dopo. Due episodi a pochi giorni di distanza nel maggio 2011, quando muoiono Jacopo, un bambino di 11 mesi lasciato in auto dal papà Passignano sul Trasimeno, in provincia di Perugia, e Elena, 22 mesi, scordata dal papà docente universitario per sei ore nell’ auto parcheggiata a Teramo. Nel 2013 otto ore sono fatali a un bimbo di due anni dimenticato dal papà in auto a Piacenza. Poi muoiono una bambina di 17 mesi a Vicenza (1° giugno 2015), una bimba di 18 mesi a Vada (Livorno) il 27 luglio 2016 e un’ altra bimba di 18 mesi a Castelfranco di Sopra in provincia di Arezzo (7 giugno 2017). Il Codacons ha rilanciato la richiesta di rendere obbligatori allarmi sulle auto. «Esiste già un sistema brevettato e presentato alle case automobilistiche che non solo avvisa attraverso allarmi sonori se si esce dalla macchina lasciando i bambini sui sedili, ma fa anche scattare in modo automatico il sistema di climatizzazione dell’ autovettura», spiega l’ associazione dei consumatori.
andrea cuomo

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox