29 Marzo 2019

Dieselgate: novità nella class action italiana

 

Il Codacons ha diffuso i risultati delle perizie ordinate dal Tribunale di Verona che confermano la presenza di un software illegale nei motori Volkswagen.

DATI SULLE EMISSIONI ALTERATI – Secondo quanto riferito dal Codacons, parte offesa in rappresentanza di alcuni cittadini italiani nel processo contro la Volkswagen per il cosiddetto scandalo Dieselgate, i risultati della perizia disposta dal Tribunale di Verona sono inequivocabili: è stata accertato l’impiego, da parte della casa tedesca, di un software irregolare in tutte le autovetture sottoposte alle analisi, che interviene sul funzionamento del motore e altera gli esiti in fase di misurazione. Il dispositivo era già stato classificato come illegale dal KBA tedesco (l’autorità federale per i trasporti).

RICHIESTE DI RISARCIMENTO – Inoltre, secondo quanto riferito dallo stesso Codacons, i richiami successivamente effettuati della Volkswagen hanno provocato su alcune vetture un significativo aumento dei consumi, e non si escludono ulteriori conseguenze negative sulla affidabilità del motore, tra cui il rischio di anomalie più frequenti con conseguenti maggiori costi a carico dei proprietari. Il Codacons ha annunciato un’azione civile per la richiesta di risarcimento dei danni in favore dei proprietari italiani dei veicoli coinvolti nell’inchiesta.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox